Serie A, Allegri saluta Juve con una sconfitta: Samp vince 2-0 nel finale
Serie A, Allegri saluta Juve con una sconfitta: Samp vince 2-0 nel finale

Una partita senza alcun valore di classifica ma che la squadra di Giampaolo ha tenuto a far sua anche per salutare nel migliore dei modi il pubblico blucerchiato

Si chiude con una sconfitta, per fortuna indolore, l'avventura di Massimiliano Allegri come allenatore della Juventus. A Marassi vince la Sampdoria per 2-0 con le reti nel finale di Defrel e Caprari, una partita senza alcun valore di classifica ma che la squadra di Giampaolo ha tenuto a far sua anche per salutare nel migliore dei modi il pubblico blucerchiato. E a proposito di saluti, come per Allegri anche per il tecnico abruzzese questa potrebbe essere l'ultima partita sulla panchina della Samp. Nei prossimi giorni ci sarà un confronto con il presidente Massimo Ferrero per capire se i programmi della società combaciano con quelli dell'allenatore. In casa Juve, invece, da domani proseguirà la caccia al nuovo allenatore anche se l'impressione è che si dovrà attendere almeno un'altra settimana per saperne di più.

Nei blucerchiati Quagliarella vuole difendere il primato nella classifica dei cannonieri, al suo fianco Giamapolo schiera Defrel con Ramirez a supporto. Ultima per Allegri sulla panchina bianconera, il tecnico rinuncia a Cristiano Ronaldo e schiera una formazione ampiamente rimaneggiata con Pinsoglio in porta, il giovane Pereira a centrocampo, Dybala e Kean in attacco.

Primo tempo giocato in scioltezza ma con buona intensità a Marassi, la Samp prova in tuti i modi a mettere Quagliarella in condizione di rimpinguare il proprio bottino di reti, ma la difesa bianconera si difende con ordine e senza grossi problemi. Dall'altra parte, Dybala e Kean provano a cercarsi ma le uniche conclusioni verso la porta di Rafael arrivano da fuori area. Bisogna attendere ben oltre la mezzora per assistere alla prima vera occasione, quando su un cross dalla sinistra Sala è provvidenziale nell'anticipare Dybala pronto alla battuta a due passi da Rafael. Dall'altra parte è Defrel a provarci in acrobazia, prima dell'intervallo, ma senza trovare la palla.

Nel secondo tempo, la musica non cambia con le due squadre che continuano a fronteggiarsi per lo più a centrocampo. Dopo una decina di minuti, Allegri perde per infortunio Emre Can. Al posto del tedesco entra Manolo Portanova, figlio dell'ex difensore Daniele. C'è poi la staffetta fra i 'senatori' Chiellini e Bonucci, fra i 'giovani' Pereyra e Nicolussi. Nella Samp, invece, Giampaolo manda in campo Caprari al posto di Ramirez. Spazio poi a Vieira per Barreto. Dopo un tentativo dal limite parato da Pinsoglio, esce fra gli applausi scroscianti del pubblico anche Quagliarella. Al suo posto Gabbiadini. Nel finale annullato per fuorigioco un gol a Kean, su intervento del VAR. Poi a cinque dalla fine è la Samp a sbloccare il risultato con un destro ciabattato di Defrel che sorprende Pinsoglio sul primo palo. La squadra di Giampaolo chiude i conti in pieno recupero con una deliziosa punizione dal limite del neo entrato Caprari. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata