Serie A, Napoli ribalta Brescia con Insigne-Fabian e vede Europa
Serie A, Napoli ribalta Brescia con Insigne-Fabian e vede Europa

I partenopei si impongono per 2-1 e salgono momentaneamente al sesto posto. Oggi Bologna-Udinese, Spal-Juventus e Fiorentina-Milan

Il Napoli espugna Brescia e aggancia l'Europa. Successo sofferto e ottenuto in rimonta per la squadra di Gattuso, che passa 2-1 al Rigamonti nell'anticipo grazie al rigore di Insigne e a una magia di Fabian Ruiz: il loro uno-due a inizio ripresa annulla l'iniziale vantaggio dei padroni di casa, firmato da Chancellor. Tre punti che consentono ai partenopei, alla seconda vittoria consecutiva dopo quella con il Cagliari, di salire provvisoriamente al sesto posto, in attesa dei risultati delle gare del weekend e di presentarsi con fiducia all'attesissima sfida di Champions League con il Barcellona. La squadra di Lopez si illude per un tempo e resta a bocca asciutta: la situazione resta complicatissima per i lombardi, che restano al penultimo posto e per la decima gara consecutiva non vincono.

Nell'attacco dei partenopei Politano vince il ballottaggio con Callejon, Mertens è preferito a Milik. Completa il tridente Insigne. In mezzo confermato Elmas con Demme e Fabian Ruiz. Out Koulibaly, Manolas-Maksimovic è la coppia centrale di difesa. Il tecnico del Brescia Lopez recupera in porta Joronen e a centrocampo Tonali. Torregrossa è ko, in avanti Balotelli supportato alle spalle da supportato da Zmrhal e Bjarnason. Due minuti e subito una fiammata del Napoli, con Mertens che con tiro-cross da posizione defilata timbra la parte alta della traversa. Poi ci prova Fabian Ruiz, servito da Politano, con un sinistro a giro che non inquadra lo specchio di poco. I padroni di casa non si scoprono, gli azzurri insistono: lancio di Insigne per la conclusione al volo di Mertens che Joronen blocca però senza difficoltà. Ma a sbloccare il risultato sono i padroni di casa: sul corner calciato da Tonali l'incornata di Chancellor batte imparabilmente Ospina (26'). Napoli chiamato alla reazione, ma la manovra è troppo macchinosa per creare pericoli a Joronen. La frazione si chiude con un tentativo di Balotelli che stacca sul corner di Tonali.

La squadra di Gattuso riequilibra subito i conti in apertura di ripresa.

Una conclusione di Insigne viene intercettata con il braccio largo da Mateju, Orsato si chiarisce le idee al Var e indica il dischetto. Trasforma in maniera impeccabile lo stesso capitano (50'). E quattro minuti dopo i partenopei completano la rimonta e il micidiale uno-due: Di Lorenzo serve al limite Fabian Ruiz, che con un gran mancino a giro spedisce la pala sotto la traversa. Joronen niente può. Ancora lo spagnolo, scatenato, ci prova di sinistro ma stavolta il portiere di casa c'è. Gli azzurri si vedono poi annullare un gol di Mertens: il belga scatta in posizione irregolare. Proprio l'attaccante lascia spazio poco dopo a Milik. Nelle file del Brescia dentro Skrabb che serve una gran palla a Balotelli: tutto solo in area, SuperMario sottoporta scarica alto. Ancora l'ex nazionale azzurro ci prova dalla distanza con il destro, senza fortuna. Nel finale i partenopei cercano di anestetizzare i ritmi senza correre rischi, il Brescia ci mette la volontà ma non basta.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata