Serie A, le pagelle di Torino-Napoli 1-3: Hamsik da record
Tra i granata si salva Belotti, male Burdisso

Zielinski implacabile, Koulibaly guerriero, Hamsik da record. Questi alcuni dei giudizi di Torino-Napoli 1-3, gara giocata questo pomeriggio allo stadio Olimpico Grande Torino e decisa dalle reti di Koulibaly, Zielinski, Hamsik e Belotti. Ecco le pagelle complete:  

TORINO

SIRIGU 5.5 - Subisce tre reti, ma non ha particolari colpe in nessuna di esse. Partita condizionata dal brutto primo tempo dei granata.
DE SILVESTRI 4.5 - Tiene in gioco Zielinski sull'azione del 2-0, errore che pesa sull'economia del match. Per il resto spinge poco ed è spesso impreciso nelle chiusure dal suo lato.
BURDISSO 4.5 - Pessima la sua gara oggi. Sbaglia sia i tempi del fuorigioco che quelli dell'intervento, lasciando spesso campo e spazio alle ripartenze del Napoli.
N'KOULOU 5.5 - Come Burdisso sbaglia tanto, ma si riprende parzialmente nella seconda frazione quando sfiora anche la rete su palla inattiva.
MOLINARO 6 - L'unico a meritare la sufficienza nella difesa granata, se non altro per il salvataggio miracoloso su Allan nel secondo tempo, da difensore puro.
RINCON 5 - Lotta tanto, ma nel primo tempo corre spesso a vuoto, perdendo le distanze con i compagni di reparto.
VALDIFIORI 5 - Se la manovra del Toro è lenta e prevedibile le colpe principali son le sue. Esce per scelta tecnica (dal 45' Ljajic 6 - Entra e dà subito la scossa ai suoi, con la giocata che vale l'1-3 di Belotti, ma è poi costretto a lasciare il campo per un problema muscolare).
BASELLI 5 - Male soprattutto nella primo tempo, quando Allan e Hamsik lo superano a più riprese. Partita da dimenticare anche la sua.
IAGO FALQUE 6 - Prova qualche delle sue, ma sbatte spesso sul muro partenopeo.
BELOTTI 6 - Perde nettamente il duello con Koulibaly, ma nel secondo tempo vince quello su Albiol, siglando anche la rete dell'1-3 granata.
BERENGUER 4.5 - Lo spagnolo non è mai nel vivo del gioco, sbagliando spesso troppi palloni sulla trequarti, regalando palla agli avversari (dal 65' Niang 5.5 - Prova qualche giocata delle sue, riuscendosi solo in parte, complice anche lo scarso minutaggio e una partita ormai compromessa).
ALL. MIHAJLOVIC 5 - Giocare vis a vis contro una squadra come il Napoli non è mai una buona idea, e infatti nel primo tempo subisce tre reti che certificano la superiorità azzurra. Una sconfitta che può starci, ma forse la partita poteva essere preparata in maniera differente.

NAPOLI

REINA 5.5 - Serata tranquilla fino al gol di Belotti, quando sbaglia i tempi dell'intervento e non si distende bene sul suo lato. Peccato.
HYSAJ 6.5 - Annulla Berenguer dal suo lato e non sbaglia quasi nulla in fase d'interdizione. Ottima gara la sua.
ALBIOL 6 - Sbaglia poco nel primo tempo, ma nella ripresa perde spesso le distanze da Belotti, che lo supera in più occasioni.
KOULIBALY 7 - Partita perfetta quella del senegalese, così come perfetto è il colpo di testa che vale l'1-0 che apre la strada alla vittoria azzurra.
MARIO RUI 6.5 - Sta salendo di condizione e si vede. Spinge con maggiore convinzione e chiude con precisione. In netto recupero.
ALLAN 6.5 - Condizione straripante quella del brasiliano, anche oggi tra i migliori. Geniale la spizzata di testa per l'1-0 di Koulibaly che direziona poi il match.
JORGINHO 6.5 - Splendida la verticalizzazione per il 2-0 di Zielinski, un assist che taglia in due la difesa granata. (dal 76' Diawara 6 - Dà freschezza e geometrie alla squadra di Sarri nell'ultima parte di gara).
HAMSIK 7 - Il record è finalmente arrivato. Una rete di pregevole fattura quella del 3-0, che permette allo slovacco di raggiungere Maradona a quota 115 gol e diventare il giocatore più prolifico della storia azzurra.
Chapeau. (dal 83' Rog SV).
CALLEJON 6 - Non segna, ma è sempre nel vivo del gioco, segno che la sua condizione sta lentamente tornando al top.
MERTENS 6 - Si muove bene sul fronte offensivo, servendo anche l'assist per il 3-0 di Hamsik, ma si divora un gol praticamente già fatto nella ripresa, un errore che pesa sul voto finale.
ZIELINSKI 6.5 - La percussione sul gol del 2-0 è da attaccante vero, così come la conclusione con cui fredda Sirigu. Sempre più a suo agio nel ruolo di esterno (dal 70' Insigne 6 - Non è al top, ma Sarri lo lancia per l'ultimo quarto d'ora e lui fa il suo).
ALL. SARRI 7 - Dopo due sconfitte nelle ultime tre partite servivano cambio di marcia e vittoria, e così è stato. La squadra ha ritrovato brillantezza e velocità, dominando il gioco per larghi tratti della gara, come non succedeva da quasi un mese. Tre punti in cascina e soprattutto un primo posto ritrovato che fa morale in vista dei prossimi impegni contro Udinese (Coppa Italia) e Sampdoria (Serie A).
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata