Juve e Ronaldo implacabili: 3-0 in casa della Fiorentina

La Fiorentina subito pericolosa, ma è la Juve a fare la partita

È una Juve schiacciasassi. I bianconeri di Massimiliano Allegri espugnano il Franchi di Firenze battendo la Fiorentina con un netto 3-0 nell'anticipo della 14esima giornata. Le reti di Bentancur nel primo tempo, di Chiellini e Ronaldo nella ripresa consentono ai campioni d'Italia di vincere la 13esima partita su 14 in questa stagione e di portare a 20 il numero di gare in trasferta senza sconfitte nel 2018. Per Ronaldo è il gol numero 10 in campionato, raggiunto di nuovo Piatek in vetta alla classifica cannonieri. Superiorità schiacciante quella mostrata dalla Juve, che ha saputo tenere a bada l'ardore di una Fiorentina mai doma per colpire poi in maniera chirurgica nei momenti che contano. Juve che vola a +11 sul Napoli, costretto ora a vincere a Bergamo contro l'Atalanta lunedì così come l'Inter impegnata a Roma e scivolata a -12.

Quarta sconfitta stagionale per la Fiorentina, che non sa più vincere e che paga a caro prezzo la mancanza di incisività sotto porta dei suoi attaccanti, su tutti Simeone. Nella Fiorentina, Pioli schiera un 4-3-3 con Chiesa, Simeone e Gerson in attacco. A centrocampo Benassi, Veretout e Edimilson. Milenkovic e Biraghi sono gli esterni con Vitor Hugo e Pezzella al centro della difesa davanti a Lafont. Stesso modulo per la Juve di Allegri che tiene a riposo Pjanic e a centrocampo schiera Cuadrado, Bentancur e Matuidi. In attacco con Ronaldo ci sono Dybala e Mandzukic. De Sciglio e Cancelo esterni con Bonucci e Chiellini in difesa davanti a Szczesny.

Prima della gara, il capitano bianconero Chiellini ha omaggiato Astori con un mazzo di fiori deposto sulla panchina viola. Fuori dal Franchi, invece, sono comparse delle scritte vergognose contro le vittime dell'Heysel e dell'ex capitano della Juve Scirea subito cancellate.

Primo tempo giocato a gran ritmo e a viso aperto dalle due squadre, con la Fiorentina subito pericolosa con un destro di Benassi di poco a lato. È però la Juve a fare la partita, complici le folate di Cancelo schierato sulla sinistra al posto dell'acciaccato Alex Sandro. Proprio dai piedi dell'ex terzino interista al quarto d'ora parte una imbeccata deliziosa per Ronaldo, che in area manca però la conclusione mancina di prima intenzione. Subito dopo altra opportunità sprecata dai bianconeri, con una punizione dai venti metri calciata da Dybala sulla barriera. In fotocopia, sull'altro fronte, la punizione di Biraghi respinta dalla barriera juventina. Al 20' rischio clamoroso corso dalla Juve con Chiellini che, nel respingere un passaggio all'indietro avventato di Bonucci, per poco non consente a Gerson di beffare Szczesny. La gara entra nel vivo intorno alla mezzora: dopo due rigori chiesti dalla Juve (un tocco di mani di Biraghi su cross di De Sciglio e un contatto Pezzella-Ronaldo) su cui Orsato lascia correre, i bianconeri passano al termine di una splendida azione conclusa da un sinistro rasoterra di Bentancur alle spalle di Lafont. La replica della Fiorentina al 34' con una grande occasione fallita da Simeone a due passi da Szczesny. Nel tentativo di rimontare, la Viola finisce per concedere spazi alle ripartenze della Juve che legittima il vantaggio sfiorando il raddoppio ancora due volte con Ronaldo e una con Cancelo.

Nel secondo tempo le due squadre ripartono a tutta: Juve subito pericolosa con Ronaldo fermato in extremis da Pezzella, la replica viola prima con un destro rasoterra dal limite di Benassi di poco a lato e poi con un destro di prima intenzione di Chiesa respinto da Szczesny. La squadra di Pioli insiste, sfiorando il pari ancora con un tirocross di Biraghi da sinistra che Vitor Hugo non riesce a deviare in porta. Poi è ancora Chiesa con un destro a giro dal limite respinto da Szczesny. Dall'altra parte la Juve prova a sfruttare gli ampi varchi concessi dalla Fiorentina, ma Dybala servito da Ronaldo calcia debolmente da buona posizione. Il portoghese ci prova poi su punizione, bravo Lafont a deviare in angolo. A mezzora dalla fine, Pioli si gioca la carta Pjaca al posto di Benassi. Nel momento di massimo forcing viola, con Szczesny ancora chiamato in causa da Veretout, la Juve trova il raddoppio al 68' con una girata in mischia di Chiellini su cui Lafont non è impeccabile. Anche sotto di due gol la Fiorentina con grande orgoglio continua ad attaccare, sfiorando la rete con un diagonale di Gerson di poco a lato. Al 78', però, la Juve cala il tris con Cristiano Ronaldo su calcio di rigore concesso per fallo di mani di Edmilson su cross di Mandzukic. Penalty certificato dal Var. Messo al sicuro il risultato, Allegri toglie per la prima volta in stagione Ronaldo inserendo Bernardeschi. Fuori anche Cuadrado per Douglas Costa e Mandzukic per Kean. Al triplice fischio finale, esplode la gioia juventina. Mastica amaro la Fiorentina e tutta Firenze.

Il tabellino

RETI: 31' Bentancur (J), 68' Chiellini (J), 78' rig. Ronaldo (J).

FIORENTINA (4-3-3): Lafont; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi (65' Pjaca), Veretout, Edimilson Fernandes; Chiesa, Simeone, Gerson (81' Thereau). A disp. Dragowski, Hancko, Laurini, Ceccherini, Norgaard, Eysseric, Mirallas, Dabo, Sottil, Vlahovic. All. Pioli.

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, De Sciglio; Cuadrado (83' Douglas Costa), Bentancur, Matuidi; Dybala, Mandzukic (89' Kean), Ronaldo (80' Bernardeschi). All. Perin, Pinsoglio, Benatia, Pjanic, Barzagli, Rugani, Spinazzola. All. Allegri.

Arbitro: Orsato di Schio.

NOTE: ammoniti Mandzukic (J), Milenkovic (F), Bentancur (J), Vitor Hugo (F), Edimilson (F), Pezzella (F), Ronaldo (J), Thereau (F), Veretout (F).
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata