Serie A, il Cagliari cala il tris salvezza: Chievo affondato al Bentegodi

Retrocessione ormai a un passo: solo la matematica, ormai, mantiene i veneti in Serie A

Il Cagliari cala il tris al Bentegodi e affonda il Chievo. Nell'anticipo della 29/a giornata, la squadra di Rolando Maran centra il colpo salvezza imponendosi in scioltezza 3-0: decisivi Pisacane, Joao Pedro e Ionita. Tre punti che consentono ai sardi, al secondo successo in trasferta in campionato dopo quello di Bergamo a settembre, di portarsi a +9 dalla zona calda e di mettersi al sicuro. Per il Chievo fanalino di coda arriva la 17/a sconfitta di una stagione da dimenticare. Retrocessione ormai a un passo: solo la matematica, ormai, mantiene i veneti in Serie A.

I sardi, in campo con Thereau al posto dello squalificato Pavoletti, chiudono la pratica già nel primo tempo, anche se la miglior partenza e la prima occasione è del Chievo: dopo un errore di Cacciatore Meggiorini, titolare al fianco di Stepinski, di sinistro costringe Cragno ad un grande intervento. Al 17', al primo vero affondo, il Cagliari la sblocca con Pisacane, che svetta sul traversone di Luca Pellegrini, al rientro dopo l'infortunio e batte Sorrentino con l'aiuto della traversa, realizzando il suo secondo gol in A. Il raddoppio al 33' è firmato da Joao Pedro: ma buona parte della rete è merito di Barella. Strepitosa azione del nazionale azzurro che recupera, supera due avversari e cede palla in area al compagno, che insacca di destro sul palo lontano. Lo 0-2 è una mazzata alle speranze della squadra di Di Carlo, anche sfortunata in occasione del palo colpito da Stepinski di testa, su azione d'angolo. Prima dell'intervallo arriva il tris degli ospiti: Cacciatore lascia partire il traversone per il tuffo di testa di Ionita, nulla da fare per Sorrentino (44'). La Var convalida. Strada tutta in discesa per i sardi, notte fonda per il Chievo.

La ripresa di apre con una grande chance per il Cagliari, protagonista lo scatenato Barella che fa tutto da solo e conclude con il sinistro sul fondo. Come se le cose non fossero già complicate, Di Carlo deve fare i conti pure con l'inferiorità numerica: Depaoli interviene in ritardo su Cigarini e Abisso, rientrato dopo lo stop seguito agli errori in Fiorentina-Inter. Piovono fischi dagli spalti del Bentegodi per la formazione di casa. Ben altro stato d'animo tra le file dei sardi, che possono gestire in tutta tranquillità il vantaggio. Con grande generosità i clivensi provano a combinare qualcosa in avanti: Giaccherini pesca in area sarda Leris, forse il migliore dei suoi, il sinistro è sventato dal grande istinto di Cragno. Ancora Giaccherini per il destro del francese, altra risposta del portiere ospite, in tuffo. Ma il risultato non cambia più, nemmeno nel recupero, quando i veneti avrebbero la chance per il gol-bandiera con Stepinski che tocca il cross di Giaccherini togliendo palla a Leris.

 

CHIEVO-CAGLIARI 0-3

RETI: 16' pt Pisacane, 33' pt Joao Pedro, 43' pt Ionita.

CHIEVO (4-4-2): Sorrentino; Depaoli, Andreolli, Barba, Jaroszynski (6' st Bani); Leris, Diousse (31' st Rigoni), Hetemaj, Giaccherini; Meggiorini (27' st Pucciarelli), Stepinski. A disp: Semper, Frey, Piazon, Cesar, Kiyine, Rossettini, Djordjevic, Vignato, Pellissier. Allenatore: Di Carlo.

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli, Pellegrini; Ionita (36' st Deiola), Cigarini, Faragò; Barella; Joao Pedro (35' st Birsa), Thereau (25' st Cerri). A disp: Rafael, Aresti, Bradaric, Oliva, Padoin, Lykogiannis, Despodov, Srna, Romagna. Allenatore: Maran.

ARBITRO: Abisso di Palermo.

NOTE: Al 5' st espulso Depaoli per doppia ammonizione. Ammoniti: Depaoli, Faragò, Leris, Meggiorini, Bani, Cerri, Giaccherini, Cigarini.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata