Serie A, all'Inter basta Keita: Empoli si arrende nella ripresa

Nerazzurri in campo con a sorpresa Keita al posto di Perisic, ma l'inizio della squadra di Spalletti è tutt'altro che scoppiettante

Ritorna al successo l'Inter che regola di misura a domicilio uno sfortunato Empoli e continua la marcia dopo il successo ottenuto tre giorni fa contro il Napoli. Nerazzurri in campo con a sorpresa Keita al posto di Perisic, ma l'inizio della squadra di Spalletti è tutt'altro che scoppiettante.

Icardi e compagni fanno fatica contro il pressing asfissiante dei toscani, bravi ad aggredire gli avversari sin nella loro metà campo. Dopo venti minuti Iachini è costretto a fare a meno di La Gumina, con l'attaccante biancazzurro che si infortuna e con Zajc chiamato a prendere il suo posto. Curioso siparietto tra l'altro che vede protagonista il numero sei empolese, perché mettendoci troppo tempo a prepararsi per scendere in campo fa perdere la pazienza al suo allenatore che lo redarguisce in maniera piuttosto evidente dinanzi alla sua panchina. Si deve attendere addirittura il trentesimo del primo tempo per un'emozione ed è proprio Zajc il protagonista con un bel colpo di testa su cross da calcio d'angolo che però finisce alto di poco sulla traversa della porta difesa da Handanovic.

Gli ospiti fanno il ritmo della gara ma l'unico ad offrire vivacità è Politano, che al trentaduesimo lascia partire un tiro molto potente sul quale Provedel ci mette i pugni e sul successivo tap-in di Joao Mario l'assistente ferma il gioco segnalando una posizione irregolare del centrocampista offensivo portoghese. Al trentottesimo l'Empoli perde un secondo giocatore per infortunio, con Pasqual che alza bandiera bianca e Antonelli che gli subentra prendendo il suo posto sulla fascia sinistra. Negli ultimi minuti è sempre Politano che cerca di portare scompiglio ma la difesa locale è sempre attentissima ad anticipare Icardi e Keita. Reti inviolate al riposo.

Ad inizio secondo tempo subito emozioni da una parte e dall'altra. Al primo minuto Zajc lanciato a rete viene fermato da un'uscita di Handanovic che sceglie alla perfezione il tempo dell'intervento, mentre un minuto dopo Keita controlla di petto un lancio e con un perfetto diagonale mette alle spalle di Provedel, ma dopo essere stato richiamato dal Var La Penna decide di annullare la marcatura per una posizione di fuorigioco dell'attaccante africano. I toscani tengono bene il campo e vanno vicini alla segnatura in due circostanze: all'undicesimo Caputo viene lanciato in contropiede direttamente dal proprio portiere e dopo una bella fuga prova un pallonetto sul quale è ancora bravissimo Handanovic a trovare il tempo corretto per l'uscita.

Al ventiseiesimo clamorosa occasione per l'Inter con Lautaro Martinez, bravissimo a colpire di tacco trovando però una grande risposta di Provedel che blocca proprio sulla linea di porta. Si tratta solo del preludio al gol che arriva un minuto dopo: cross dalla destra di Vrsaljko e girata di prima intenzione di Keita che mette di nuovo in rete e stavolta la rete viene convalidata. A quindici dal termine ancora incredibile sfortuna per i toscani che perdono il terzo uomo per infortunio, Antonelli, sostituito da Mchelidze. Il finale di partita è tutto di marca nerazzurra: Keita dopo un'azione personale chiama alla difficile parata Provedel, poi Politano da ottima posizione non riesce ad inquadrare la porta ed infine Icardi cerca gloria personale ma trova ancora sulla sua strada il portiere empolese. L'unico brivido per Handanovic viene dal fuoco amico, quando una deviazione di De Vrij lo mette fuori causa ma la palla va a perdersi sul fondo fruttando solo un corner all'Empoli. Finisce uno a zero per l'Inter che riprende il suo inseguimento al Napoli in attesa del risultato dei partenopei contro il Bologna.

Il tabellino

Rete: st 27' Keita
EMPOLI (3-5-2): Provedel; Veseli, Silvestre, Rasmussen; Untersee, Acquah, Bennacer, Traore, Pasqual (dal 38' pt Antonelli, dal 29' st Mchelidze); Caputo, La Gumina (dal 24' pt Zajc). A disp. Terracciano, Fulignati, Brighi, Rodriguez, Capezzi, Marcjanik, Ucan, Mraz. All. Iachini.
INTER (4-3-3): Handanovic; Vrsaljko, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino (dal 12' st Nainggolan), Borja Valero (dal 22' st Martinez), Joao Mario; Politano, Icardi, Keita (dal 39' st D'Ambrosio). A disp. Padelli, Gagliardini, Ranocchia, Politano, Miranda, Dalbert, Candreva, Perisic.All. Spalletti.
Arbitro: La Penna di Roma. Note: ammoniti Martinez (I), Bennacer (E)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata