Sarri verso il Chelsea. E vuole portarsi Koulibaly
Dopo la firma di Ancelotti l'allenatore del Napoli sul piede di partenza. Sul Golfo potrebbe arrivare David Luiz

Sono passate meno di 48 ore dalla firma di Ancelotti come nuovo allenatore del Napoli e già impazzano le voci su tutti i possibili acquisti per la prossima stagione. "Effetto Carletto", così potremmo definirlo, visto che il suo arrivo sulla panchina azzurra ha riacceso l'entusiasmo della piazza e dei tifosi, che ora si aspettano grandi nomi per proseguire sulla strada tracciata prima da Mazzarri e Benitez, e poi nell'ultimo triennio da Maurizio Sarri con ottimi risultati.

ASSE CON LONDRA - E proprio il futuro di Sarri è l'argomento del giorno, visto che il tecnico toscano è vicinissimo a diventare il nuovo allenatore del Chelsea: l'accordo sarebbe stato trovato sulla base di un biennale da 6 milioni di euro netti, ma potrà essere ratificato solo con l'addio di Antonio Conte (sotto contratto fino al 2019) e dopo il pagamento della clausola da 8 milioni che lo lega ancora al Napoli. Ma qui entra in gioco il mercato: il Chelsea, sotto indicazione di Sarri, vorrebbe prelevare anche Koulibaly dal Napoli e sarebbe pronto a offrire 70 milioni più il cartellino di David Luiz, profilo gradito a Carlo Ancelotti. Trattativa difficile, ma se ne riparlerà nei prossimi giorni.

IDEA CANCELO - Altro nome che sta girando in queste ore è quello di Joao Cancelo, terzino destro del Valencia in prestito all'Inter che, come ammesso dal suo tecnico Luciano Spalletti, non verserà i 35 milioni pattuiti per il riscatto entro il 31 maggio. Il portoghese interessa molto, ma difficilmente verrebbe al Napoli per fare da riserva a Hysaj; l'albanese a sua volta è entrato nel mirino del Chelsea (fattore Sarri) e soprattutto dell'Atletico Madrid di Simeone, trattativa in cui potrebbe rientrare anche il croato Vrsaljko, già in passato vicino ai partenopei. Per ora siamo ancora al pour parler, ma il beneplacito di Carletto c'è già su entrambi i nomi.

SPUNTA PAREDES - Detto che il Napoli deve ancora risolvere il rebus portiere (Rui Patricio, Leno o Areola le piste calde), un altro tassello che manca nello scacchiere è il regista di centrocampo, dando quasi per scontato l'addio di Jorginho direzione Manchester City. In cima alla lista potrebbe esserci Leandro Paredes, 23enne ex Roma ed ora in forza allo Zenit: l'addio di Roberto Mancini (suo grande estimatore) e la non qualificazione in Champions dei russi potrebbero agevolare la trattativa, col ragazzo che in Italia ritroverebbe fiducia, competitività e appeal internazionale, in ottica anche di una riconquista di una convocazione con l'Argentina dopo l'esclusione dalla lista definitiva per i Mondiali in Russia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata