Ronaldinho sotto custodia in Paraguay, aveva documenti falsi
Ronaldinho sotto custodia in Paraguay, aveva documenti falsi

L'ex giocatore e suo fratello sono entrati nel paese con passaporti e carte d'identità falsificate. Il ministro Avecedo: "Hanno detto di essere stati ingannati"

Ronaldinho è stato indagato in Paraguay per presunto uso di documenti falsi. Il brasiliano è arrivato nel paese mercoledì per un evento ad Asunción. Funzionari del ministero dell'Interno e del ministero Pubblico del Paraguay erano nell'hotel dove alloggiano lui e suo fratello Roberto de Assis e, dopo aver perquisisto la suite dei due brasiliani, avrebbero rilevato documenti d'identità falsi. Contattato da 'GloboEsporte.com', il ministro degli interni del Paraguay, Euclides Acevedo, ha confermato l'inchiesta. Acevedo afferma che l'ex giocatore e suo fratello sono entrati nel paese con passaporti e carte d'identità paraguaiane falsi, entrambi documenti a nome dei due brasiliani: "Hanno detto di essere stati ingannati e che sono arrivati in Paraguay con l'intenzione di collaborare. Ma la cosa vera è che sono entrati in Paraguay con passaporti falsi", ha aggiunto. In un'ulteriore dichiarazione rilasciata, il ministro paraguaiano ha affermato che i passaporti, le carte d'identità e i telefoni cellulari dei due sono stati sequestrati.

Contattati dal sito brasiliano, l'avvocato di Ronaldinho e Roberto de Assis, Sérgio Queiroz, ha dichiarato: "È certamente un errore che verrà chiarito".

I brasiliani sono allo Yacht and Golf Club, fuori dalla regione centrale di Asunción. Secondo Euclides Acevedo, i due non saranno detenuti, ma rimarranno in custodia in albergo fino alla deposizione presso il pubblico ministero, la mattina di giovedì. Dopo essere stata ascoltata, l'agenzia deciderà se presentare o meno il reclamo. Il ministro degli interni del Paraguay sottolinea che l'indagine riguarderà anche le autorità che hanno rilasciato i documenti e permesso ai due di entrare in Paraguay: "Abbiamo informazioni che ci fanno sapere che Ronaldinho ha problemi con il sistema giudiziario brasiliano, qualcosa legato al mancato pagamento delle tasse. Sono entrati nel paese con la tolleranza delle autorità, ma hanno un passaporto falso. È una cosa punibile".

Secondo il quotidiano 'Abc Color', il principale sospettato della frode è ricaduto sull'uomo d'affari brasiliano Wilmondes Sousa Lira, 45 anni, che avrebbe fornito ai due i documenti falsi. Recentemente, a Ronaldinho e al fratello è stato negato il passaporto in Brasile ed è stato proibito loro di lasciare il paese o di rinnovare i loro documenti. Il motivo è legato a una causa legale per danni ambientali a Rio Grande do Sul. Tuttavia, a settembre dell'anno scorso, entrambi hanno raggiunto un accordo e hanno ricevuto i documenti. L'ammontare dell'indennità dovuta è stato di oltre 8,5 milioni. Sebbene presentassero passaporti paraguaiani e documenti di identità all'ingresso di Asunción, Ronaldinho e suo fratello avrebbero avuto bisogno solo di una carta d'identità brasiliana per entrare in Paraguay. Un accordo diplomatico nella regione del Mercosur consente infatti di viaggiare tra i paesi della regione solo con tale documento.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata