Pastore allontana l'Inter: "Psg è come una famiglia, non cambierò"
E sul suo rientro posticipato dopo la pausa invernale chiarisce: "Ho avuto problemi personali"

Javier Pastore allontana l'Inter. Accostato dalle voci di mercato ad un ritorno in Italia, sulla sponda nerazzurra, il trequartista ribadisce fedeltà al Psg. E chiarisce sulla sua assenza in occasione della ripresa degli allenamenti dopo la pausa invernale, così come Edison Cavani. Un rientro posticipato che ha fatto infuriare il tecnico Emery e il club e che potrebbe precludere una possibile partenza dell'argentino. Ma da Pastore arrivano parole di conciliazione: "Amo Parigi, adoro il Psg, non farò mai niente di male a questo club", ha spiegato il 'Flaco', giunto in Ligue 1 nel 2011 dal Palermo, contattato da Yahoo Sport France. "È come la mia famiglia... Ho dovuto affrontare delle questioni personali". "Sono stato il primo a credere in questo progetto e credetemi, io ero e sarò sempre fedele. Non cambierò", ha assicurato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata