PAGELLE Juve-Inter: Handanovic un muro, Cuadrado decisivo
Un siluro dell'esterno bianconero sigilla l'1-0 dei torinesi

 Le pagelle di Juventus-Inter (1-0), gara valida per la 23/a giornata di Serie A.
 

JUVENTUS

Buffon 6,5 L'Inter si fa vedere spesso dalle sue parti ma alla resa dei conti l'unica parata è quella su Perisic.

Lichtsteiner 6 Non concede nulla in fase difensiva, ma sbaglia qualche cross di troppo. (dal 35' st Dani Alves sv)
Bonucci 6,5 Dà sicurezza al reparto. Con Chiellini forma una cerniera insuperabile.

Chiellini 6,5 Non si tira indietro quando c'è da fare a sportellate. Un muro.

Alex Sandro 6 Partenza in sordina, cresce alla distanza. Mancano però le sue sgroppate.

Pjanic 6,5 Uomo d'ordine in mezzo al campo, alterna giocate di fioretto ad altre di sciabola. Nel centrocampo a due ha trovato la sua naturale dimensione. E se Handanovic non si fosse superato su quella punizioneà
Khedira 6,5 Si trova sempre nel posto giusto al momento giusto. Le sue incursioni mettono più volte in apprensione la difesa nerazzurra. Impeccabile anche in fase di contenimento.

Cuadrado 7 Con il colombiano in campo sembra di essere sull'ottovolante. Sbaglia giocate elementari, ma il gol che decide la partita è una perla di valore assoluto. (dal 26' st Marchisio 6 Si fa trovare subito pronto al rientro dall'infortunio. Una garanzia).

Dybala 7 Mette da solo in apprensione la retroguardia dell'Inter. Appare da subito ispirato, solo un super Handanovic (e una traversa) gli negano la gioia del gol. Risposta da campione sul campo dopo le polemiche di Sassuolo. (dal 39' st Rugani sv).

Mandzukic 6,5 Prestazione generosa, e non è una novità. Cresce, come Alex Sandro, con il passare dei minuti. In questo momento è un giocatore insostituibile.

Higuain 6 Da Mister 90 milioni ci si aspetta sempre che possa risolvere le partite, soprattutto i big match. La retroguardia dell'Inter lo tiene bene a bada, ma lui riesce comunque a distinguersi nelle vesti di suggeritore.

All. Allegri 6,5 Conferma il modulo ammirato nelle ultime uscite e il risultato gli dà ancora una volta ragione. L'inserimento di Marchisio regala più compattezza ai bianconeri nel finale.

INTER

Handanovic 7,5 E' in una di quelle giornate in cui appare insuperabile. Solo il bolide di Cuadrado riesce a trafiggerlo. Se l'Inter resta in partita fino al 90' gran parte dei meriti vanno al portiere sloveno.

Murillo 6 Dybala e Manduzkic sono brutti clienti, lui non sfigura.

Medel 6,5 Confema di trovarsi a proprio agio nel ruolo di centrale in una difesa a tre. E' l'uomo ombra di Higuain. Mastino.

Miranda 6,5 Attento e diligente.

D'Ambrosio 5,5 Spesso e volentieri vede solo la targa di Cuadrado.

Gagliardini 6,5 Per essere la prima volta allo Stadium mostra una certa personalità. Metronomo in mezzo al campo, non tira mai indietro il piede se necessario.

Brozovic 6 Collante tra centrocampo e tre quarti offensiva, tiene testa alla mediana della Juventus non perdendo duelli chiave. (dal 13' st Kondogbia 6 Muscoli e fisicità nel centrocampo dell'Inter. Sotto Pioli è un giocatore rinato).

Candreva 5 Giornata no. Tocca pochi palloni e fa una tremenda fatica a trovare la posizione giusta in campo. (dal 13' st Eder 5,5 Non riesce a incidere sul match. Mai pericoloso).

Perisic 6 Rovina una buona prestazione con l'ingenua espulsione nel finale. Per il resto rimane una spina nel fianco per la difesa bianconera.

Joao Mario 6 Sfiora il gol in avvio, poi si perde un po' ingabbiato da Chiellini e Alex Sandro. (dal 34' st Palacio sv).

Icardi 5,5 Perde il duello a distanza con Higuain, straperde quello con Dybala. Partecipa poco alla manovra, eppure palloni in area ne sono arrivati parecchi.

All. Pioli 6 La striscia di vittorie consecutive in campionato si ferma allo Stadium. La sua squadra, però, soprattutto nel primo tempo se la gioca alla pari.


Arbitro Rizzoli 5,5 Direzione di gara complicate per il fischietto emiliano. Discutibile la gestione dei cartellini. Dubbi anche per un contatto in area di rigore bianconera di Lichtsteiner su D'Ambrosio e per una scivolata di Mandzukic su Icardi.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata