Napoli: Milik rapinato, ma non è l'unico. Tutte le rapine subite dagli azzurri

Anche altri calciatori in diverse città italiane come Milano, Roma o Torino hanno avuto la stessa sorte dell'attaccante polacco. E ci sono casi anche in Inghilterra...

In una notte di festa per la vittoria in Champions col Liverpool un triste episodio scuote la città e infanga ancora una volta il nome dei napoletani. Protagonista in negativo è stato Arek Milik, rapinato nella notte in zona Varcaturo (frazione del Comune Giugliano in Campania) da due malviventi col volto coperto a bordo di una moto. La dinamica purtroppo è sempre la stessa: minacce con tanto di pistola puntata alla tempia, raccolta del bottino (in questo caso un orologio Rolex Daytona del valore di circa 20mila euro) e poi via nel giro di pochi minuti, dileguandosi in piena notte nel reticolato delle vie cittadine.

Casi analoghi. Peccato che non si tratti di un episodio isolato, come dimostra la lunga striscia di rapine nei confronti dei giocatori del Napoli negli ultimi 10 anni: la prima vittima fu capitan Hamsik nel 2008, anche lui avvicinato da una coppia di banditi in moto, minacciato con la pistola e privato di un Rolex Daytona, bottino poi completato da circa 800 euro in contanti, documenti e chiavi di casa. La stessa sorte capitò qualche anno dopo ad altri azzurri come Behrami, Federico Fernandez e Zuniga, rapine che non hanno risparmiato neanche le fidanzate e/o mogli dei fuoriclasse partenopei: basti pensare a Maria Soledad, ex moglie di Cavani, derubata di un orologio 'Piaget' (valore circa 18mila euro) a pochi passi dallo stadio San Paolo nel quartiere Fuorigrotta; oppure a Martina 'Hamsik', compagna di Marek, che subì una rapina a mano armata sempre a Varcaturo, quando le fu sottratta l'auto, una Bmw X6, fino ad arrivare a Yanina Screpante, modella e compagna del Pocho Lavezzi, anche lei derubata nel 2011 di un Rolex a via Petrarca. L'ultimo episodio in ordine di tempo risale a due anni fa, febbraio 2016, quando il bersaglio dei criminali fu proprio Lorenzo Insigne, mattatore col Liverpool: due malviventi a bordo di una moto in zona viale Elena (a due passi dal Lungomare Caracciolo) lo hanno minacciato con una pistola alla tempia, rapinando lui, la moglie Jenny ed alcuni suoi amici portando a casa un ricco bottino, tra cui un rolex, due bracciali d'oro e contanti vari.

Oltre Napoli. Episodi incresciosi che purtroppo non sono affatto un unicum nel nostro paese: a Milano lo dimostrano i casi di Seedorf, Balotelli, o quello ancor più recente di Mauro Icardi, rapinato in pieno centro e privato di un Rolex nel 2015; a Torino quelli dei bianconeri Vucinic, derubato di un Rolex nel 2011, e Pogba nel 2015 a cui svaligiarono l'appartamento, stessa sorte capitata a diversi calciatori della Roma, da Batistuta e Panucci fino ad arrivare ai più recenti casi di Balzaretti, Dzeko, Gervinho e Nainggolan. Ma non si tratta di un'abitudine solo italiana: in Inghilterra, infatti, nel 2016 la vittima fu Jordon Ibe del Bounemouth, rapinato di un Rolex nel 2016 a Londra, mentre l'anno scorso è toccato a Roberto Firmino vedersi svaligiata la casa, con tanto di bottino da ben 85mila euro, un destino toccato ad altri 'reds' del calibro di Steven Gerrard, Pepe Reina, Daniel Agger e Dirk Kuyt. Per la serie: nessuno è immune.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata