Napoli-Juve, Zielinski: Possiamo riaprire giochi. Dubbio Manduzkic
Dopo Pjaca i bianconeri rischiano di perdere un altro importante tassello d'attacco

Dopo Marko Pjaca rischia di perdere un altro importante tassello Massimiliano Allegri in vista della supersfida di domenica sera contro il Napoli, nel primo degli appuntamenti che vedrà la Juventus impegnata al San Paolo per due volte, tra campionato e coppa, nel giro di tre giorni. In casa bianconera infatti è scattato l'allarme Mario Mandzukic. Il giocatore croato, alle prese con un'infiammazione al ginocchio, non ha preso parte all'allenamento odierno. La sua presenza contro i campani appare così in forte dubbio. Un problema in più per l'allenatore toscano, già costretto a rinunciare a Marko Pjaca - fuori fino a fine stagione per una lesione al legamento crociato anteriore del ginocchio destro e arrivato nel pomeriggio a Villa Stuart dove, con ogni probabilità, verrà operato nella giornata di domani - e con un Paulo Dybala, al rientro da un infortunio e dalla trasferta oltreoceano con la nazionale argentina, che solo domani si aggregherà al resto dei compagni. Allegri rischia così di dover ridisegnare la sua squadra per la difficile trasferta all'ombra del Vesuvio.


Tra i partenopei invece regna l'ottimismo, e non solo per le buone notizie dal fronte infermeria arrivate in merito alle condizioni di Pepe Reina e Elseid Hysaj, entrambi sulla via del recupero. Tocca a Piotr Zielinski, sempre più leader del centrocampo azzurro, suonare la carica. "Vogliamo vincere ed avvicinarci alla Juve, il campionato non è ancora finito e si può riaprire - ha dichiarato il polacco ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli -  Noi vogliamo vincere tutte le partite ed arrivare più in alto possibile". L'atmosfera in città si scalda di ora in ora, ma la squadra di Sarri è riuscita a isolarsi. Almeno secondo Zielinski. "Stiamo vivendo questa settimana molto bene. Siamo tranquilli - ha raccontato l'ex giocatore dell'Empoli - Stiamo preparando bene queste due partite importanti. Sappiamo che per il nostro pubblico è importante vincere e noi vogliamo regalare loro questa gioia". Il nazionale polacco è fiducioso anche per la semifinale di Coppa Italia, gara in cui gli azzurri sono chiamati a ribaltare il ko per 3-1 dell'andata. "Crediamo alla rimonta in Coppa Italia - ha assicurato - Ci sono due gol da recuperare, siamo una grande squadra e possiamo rimontare. Per ora è più importante il campionato che è la partita che arriverà per prima".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata