Milik e Diawara piegano Chievo nel finale. Napoli a -4 dalla Juve
Proprio quando tutto sembrava perduto accade l'imponderabile: negli ultimi 5 minuti il Napoli trova il pareggio ce poi riesce persino a siglare il 2-1 con un gran destro di Diawara

La lotta scudetto non è ancora finita. Nonostante un rigore sbagliato e una prestazione al di sotto delle proprie potenzialità, il Napoli riesce comunque a battere un buon Chievo Verona per 2-1 grazie alle reti di Milik e Diawara proprio negli ultimi 5 minuti di gioco, ribaltando così l'iniziale vantaggio di Stepinski siglato al minuto 72' e riportandosi a -4 dalla Juventus capolista.

POCHE EMOZIONI - Match molto bloccato sin dalle prime battute di gioco, col Chievo bravo a fare densità in mezzo al campo e a bloccare i rifornimenti al tridente partenopeo, costringendo Hamsik e compagni alla giocata forzata e spesso imprecisa. Al minuto 16 ecco la prima grande occasione per la squadra di casa, con Insigne che crossa dalla sinistra per l'accorrente Callejon, ma lo spagnolo calcia alto sopra la traversa sprecando l'ottima opportunità. Passano i minuti e la squadra di Sarri continua ad attaccare a testa bassa, ma senza mai realmente impensierire gli uomini di Maran, che infatti portano a casa lo 0-0 fino al fischio di Manganiello che manda le squadre negli spogliatoi.

MERTENS SBAGLIA - Pronti via a inizio secondo tempo il Napoli ha subito la doppia chance per il vantaggio prima con Lorenzo Insigne (tiro di sinistro debole), ma soprattutto con Dries Mertens che prima si guadagna il calcio di rigore per fallo di Depaoli, ma poi si fa ipnotizzare da Sorrentino dagli 11 metri (terzo rigore parato dal portiere del Chievo in stagione) sprecando la ghiotta chance dal dischetto. L'errore spinge Sarri al primo cambio della partita, con Milik per un appannato Marek Hamsik, e infatti il bomber polacco ha subito la grande occasione per il vantaggio al minuto 69', quando scappa tra le linee, ma calcia addosso a Sorrentino, ancora una volta provvidenziale per i suoi.

DOCCIA FREDDA - Poi al minuto 72' ecco la clamorosa doccia fredda per la squadra di casa: errore grossolano del duo Tonelli-Koulibaly che regalano palla al Chievo, Giaccherini è bravissimo ad approfittarne e a servire il neo entrato Stepinski che da solo in area di rigore trafigge Reina con un gran destro sotto la traversa per l'1-0 degli ospiti. Sotto di un gol il Napoli prova a dare il tutto per tutto e tenta ancora la via della rete con Insigne, ma l'azzurro sbaglia due volte la mira innescando i fischi del pubblico del San Paolo, imbestialito per le troppe chances sprecate.

MILIK E DIAWARA - Ma proprio quando tutto sembrava perduto negli ultimi cinque minuti accade l'imponderabile: il Napoli prima trova il pareggio con un gran colpo di testa di Arek Milik al minuto 89', poi, a match praticamente scaduto, riesce persino a siglare il 2-1 con un gran destro di Diawara dall'interno dell'area di rigore, rete che scatena i tifosi presenti a Fuorigrotta, in festa per la vittoria che riporta gli azzurri a -4 dalla capolista Juventus e in piena corsa per lo scudetto. E con uno scontro diretto (del prossimo 22 aprile all'Allianz Stadium) ancora tutto da giocare. 
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata