Mancini a Speranza: "Calcio non è priorità? Sport lo è come scuola e lavoro"
Mancini a Speranza: "Calcio non è priorità? Sport lo è come scuola e lavoro"

Il ct della Nazionale alla vigilia dell'amichevole con la Moldavia a Firenze replica al ministro: "Qualche volta bisognerebbe pensare prima di parlare"

Roberto Mancini alla vigilia dell'amichevole con la Moldavia sottolinea il ruolo del calcio e della Nazionale in un momento delicato per il paese e risponde al ministro della Salute Speranza: "Ha detto che ci sono altre priorità rispetto al calcio, come la scuola? Io penso che qualche volta bisognerebbe pensare prima di parlare. Lo sport è un diritto per tutti gli italiani ed è una priorità come lo sono la scuola e il lavoro. Milioni di italiani praticano sport a ogni livello"

"Ci fa molto piacere che la Nazionale attiri molti tifosi e che le persone guardino la partita alla tv perché vuol dire che i ragazzi fanno divertire. Questo ci inorgoglisce. I ragazzi del resto giocano per far felici i nostri tifosi", ha detto il ct azzurro nel corso della conferenza stampa prima del match in programma mercoledì a Firenze. Mancini, però, spera che presto i tifosi possano tornare sugli spalti e afferma: "La mia idea rimane la stessa: in quasi tutta Europa ci sono persone sugli spalti a guardare le partite".

"Quella del ranking è una questione molto importante, non possiamo compromettere quello che abbiamo fatto nei mesi con la partita di domani. Abbiamo recuperato 8-9 posizioni, vorremmo recuperarne altre prima del sorteggio per le qualificazioni Mondiali", avverte poi l'allenatore dell'Italia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata