La sua Cina è travolta dall'Iran, Lippi lascia la panchina: "È stato un onore"

L'allenatore dice addio dopo il pesante ko nei quarti di Coppa d'Asia: "Non ci si può permettere di regalare tre gol a un avversario del genere"

Con la sconfitta contro l'Iran nei quarti di finale di Coppa d'Asia si è conclusa l'avventura di Marcello Lippi sulla panchina della Cina. Il 70enne tecnico italiano, campione del Mondo nel 2006, ha infatti confermato che non rinnoverà il suo contratto in scadenza al termine della manifestazione. "Ë stato davvero un onore per me guidare la nazionale di un così importante paese come la Cina", ha dichiarato a fine partita.

Sulla partita persa per 3-0 contro l'Iran, l'ex allenatore della Juventus ha aggiunto: "Non ci si può permettere di regalare tre gol a un avversario del genere". Per Lippi l'incarico da ct della Cina potrebbe essere anche l'ultimo lavoro da allenatore di una lunga e fortunata carriera nella quale ha toccato il punto più alto di tutti: la vittoria del Mondiale 2006 in Germania con l'Italia

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata