Lega Serie A approva nuovo statuto. Slitta elezione del presidente
Tavecchio dopo l'assemblea fiume: "Per questo palazzo è stato fatto un passo avanti notevole"

"Per questo palazzo è stato fatto un passo avanti notevole". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio ha commentato così l'approvazione delle linee guida del nuovo statuto da parte della Lega Serie A intervenendo al termine di un'assemblea durata quasi sei ore. La decisione è arrivata all'unanimità con l'eccezione di Crotone e Chievo, assenti. "E' andata bene sia per il commissario che per la Lega - ha aggiunto il commissario - Entro 20 giorni andremo a proporre l'elezione statutaria, dopo si passerà alla parte operativa. Il terreno adesso è in discesa".

Tavecchio ha parlato di "una giornata importantissima per il commissario ma soprattutto per la Lega" precisando che su questo statuto "si voteranno le governance e la presidenza". Con il nuovo statuto viene istituito "un direttivo snello e operativo" a cui "vengono conferiti i poteri che erano prima in capo all'assemblea". Confermando la presenza della norma sul paracadute, il commissario ha annunciato che "la cosa più importante è stata quella di rivedere il concetto dei criteri dei fondi provenienti dai diritti televisivi con l'aumento della parte fissa e di quello relativo alla meritocrazia - ha concluso - Le cifre? Attualmente questo è solo un indirizzo, non sono state fatte percentuali".

Slitta invece l'elezione del presidente. La Lega resta quindi commissariata dalla Figc. Non è pertanto passata la linea della coppia Agnelli-Lotito, appoggiata anche dal Milan, che puntava alla nomina dell'attuale dg della Lega Calcio Marco Brunelli come presidente 'ponte'. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata