Le pagelle di Roma-Torino 4-1: Dzeko super, Nainggolan insostituibile
Sottotono Belotti, sufficienza per Lukic

Le pagelle di Roma-Torino 4-1, gara valida per la 25/a giornata di Serie A.

ROMA

Szczesny 6: Giornata da spettatore per il portiere polacco. Nulla può sulla rete di Maxi Lopez.

Manolas 6.5: Gli tocca un avversario come Belotti. Lo addomestica senza eccessivi problemi. Sempre puntuale quando chiamato ad intervenire. Esce fra gli applausi. (dal 28' st Vermaelen sv).

Fazio 6.5: Così come il compagno di reparto il 'comandante' fa buona guardia sui, pochi, tentativi di attacco del Toro.

Jesus 6.5: Svolge in maniera diligente il suo compito presidiando la sua zona di competenza. Ad inizio gara sfiora anche il gol su azione d'angolo.

Peres 6.5: Vince il duello sulla fascia con Barreca. Abbina alla solita corsa ed alle incursioni offensive anche un paio di pregevoli chiusure difensive.

Strootman 6.5: Partita di poca visibilità ma di grande sostanza. Dalle sue parti non si passa. Presente anche in fase di impostazione. (Dal 37' st Totti 7: Gli bastano pochi minuti per 'apparecchiare' con un assist dei suoi la rete finale di Nainggolan).

Paredes 7: Il mezzo voto in più rispetto al collega olandese è tutto nel siluro con il quale sigla il 3-0. Un gol davvero da vedere e rivedere.

Emerson 6.5: Bastano pochi minuti per prendere possesso della fascia di competenza senza problemi. Anche quando deve difendere non ha problemi.

Nainggolan 7.5: E' il vero uomo in più della Roma. Contrasti, corsa, lanci millimetrici ed il gol nel finale. Sempre più idolo del popolo giallorosso. Semplicemente insostituibile.

Salah 7: Nella prima mezzora è il dominatore assoluto della partita. Un gol, un palo e tante giocate. Cala con il passare dei minuti ma la sua impronta sulla partita è decisiva.

Dzeko 7.5. Straripante. Un gol che lo porta in testa alla classifica dei marcatori insieme ad Higuain, tante sportellate in area di rigore ma anche giocate da fantasista il bosniaco vive un momento d'oro (Dal 43'st Perotti sv).


TORINO

Hart 5: Fatta eccezione per il primo non ha grandi colpe sulle quattro reti giallorosse, ma non dà mai la sensazione di sicurezza.

Zappacosta 5: In attacco non si vede, in difesa patisce. Per l'esterno granata una serata da dimenticare.

De Silvestri 5: Mihajlovic lo schiera da centrale. Non è il suo ruolo naturale e si nota fin da subito. Quando si trova contro Dzeko sono dolori.

Moretti 5.5: Cerca in qualche modo di arginare la marea giallorossa con la sua esperienza. Non sempre ci riesce ma la sua abnegazione resta ammirevole.

Barreca 5: Si trova davanti il suo predecessore in maglia granata Bruno Peres. Soffre le sgroppate del brasiliano per tutta la gara.

Benassi 5.5: Lottare lotta ma non riesce a reggere l'onda d'urto del centrocampo giallorosso finendo anch'egli stritolato nonostante l'impegno. (dal 25' st Boye 5: Dovrebbe dare maggiore peso all'attacco granata ma non lo si vede mai).

Lukic 6: Non fa rimpiangere il titolare Valdifiori. Anzi il giovane regista serbo scende in campo con personalità e lucidità provando anche il tiro dalla distanza. Il migliore in campo fra i granata.

Baselli 5: Il centrocampo della Roma è di un'altra pasta e si vede. Fisicamente viene soverchiato dai rivali non riuscendo ad incidere neanche con l'inventiva che ha ma non dimostra.

Falque 5: Lo spagnolo fallisce la prova del ritorno all'Olimpico. Nessuno spunto degno di nota, resta ai margini della partita. (dal 13' st Iturbe 5: Ha più di 30 minuti per mettersi in mostra. Non lo fa).

Belotti 5.5. All'Olimpico il 'Gallo' non canta. E' servito poco e male dai compagni ma non riesce a sopperire alla giornataccia degli altri attaccanti granata.

Ljajic 5: Pungolato dal suo ex pubblico che lo fischia il serbo non riesce a trovare da questo la scintilla per mettersi in mostra. Il suo apporto risulta essere pressoché nullo. (dal 33' st Lopez 6: Entra in campo con voglia di fare piazzando la prima zampata del suo fin qui deludente campionato).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata