Lazio, addio a Felice Pulici: fu il portiere dello scudetto 1974

Aveva 73 anni, fu tra i protagonisti del primo vinto dai biancocelesti

Lazio in lutto. È scomparso Felice Pulici, portiere dello storico scudetto 1974, il primo vinto dai biancocelesti. Avrebbe compiuto 73 anni il prossimo 22 dicembre. "Lazio, il suo presidente, l'allenatore, i giocatori e tutto lo staff esprimono profondo cordoglio", si legge nella nota. "Il club si unisce al dolore della famiglia".

Se ne va uno dei laziali più amati dai tifosi. Cresciuto nelle giovanili del Lecco, Pulici arrivò alla Lazio nel 1972, proveniente dal Novara con cui conquistò la promozione in Serie B nel 1970. I biancocelesti di Tommaso Maestrelli erano appena tornati in Serie A. Pulici restò nella Capitale cinque stagioni, senza mai saltare una partita e fu uno dei protagonisti della storica cavalcata in campionato 1973-74, culminata con lo storico scudetto. Il portiere si trasferì quindi al Monza nel 1977, nella stagione seguente passò all'Ascoli, maglia vestita per tre stagioni. Nel 1981 tornò alla Lazio, dove chiuse la carriera al termine della stagione. Complessivamente ha disputato 202 gare con la maglia biancoceleste tra campionato e coppe. Successivamente, dopo aver guidato la Primavera nel 1983, Pulici intraprese la carriera di dirigente, sempre con la Lazio, assumendo il ruolo di direttore generale sotto la presidenza di Chinaglia, suo ex compagno di squadra. In due occasioni è stato responsabile del settore giovanile. Nel 2005 Pulici lavorò nel team di legali che rappresentò la Lazio nel processo Calciopoli. Dal 2006 al 2007 rivestì la carica di direttore generale dell'Ascoli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata