Lazio-Eintracht, Roma invasa da novemila tifosi tedeschi: 5 fermi

I supporter della squadra di Francoforte sono arrivati in gran numero nonostante la partita di Europa League non conti più nulla perché entrambe le squadre sono qualificate

Momenti di tensione nella zona intorno all'Olimpico, a Roma dove dalle 19 si disputa la partita di Europa League fra Lazio e Eintracht Francoforte. I tifosi tedeschi hanno tentato di dirigersi dal Ponte della Musica verso nord, nella zona del Ponte D'Aosta. A quel punto le forze dell'ordine hanno fatto una carica di alleggerimento e i tedeschi hanno reagito con il lancio di petardi e fumogeni. Per ora tutto è tornato alla normalità. Durante questa fase sono stati fermati cinque tifosi e successivamente condotti presso gli uffici della Digos dove verrà valutata la loro posizione. 

La partita non ha nessun valore dal punto di vista della competizione sportiva, entrambe le squadre sono già qualificate alla fase successiva del torneo, ma si temono scontri per la forte rivalità fra le due tifoserie. I motivi sono di tipo politico. Nella sfida di andata in Germania, infatti, ci fu una sorta di 'caccia al laziale' da parte degli ultras di casa gemellati con quelli dell'Atalanta, acerrimi nemici dei biancocelesti, alla quale presero parte anche alcuni bergamaschi giunti appositamente a Francoforte.

Per il match sono arrivati in città ben novemila tifosi dell'Eintracht, 400 dei quali appartenenti a gruppi ultras, giunti a Roma a bordo di treni, aerei, autobus ed autovetture. In tarda mattinata si sono radunati in piazza del Popolo dove hanno lasciato un tappeto di bottiglie e sporcizia. Per fortuna, non ci sono stati incidenti.  I tifosi tedeschi si sono radunati in via delle Canestre a Villa Borghese. Da lì, scortati dalle forze dell'ordine, stanno raggiungendo lo stadio Olimpico a bordo di autobus Navette che li raccolgono in Piazzale Flaminio

Nelle aree del centro storico ed in quelle adiacenti l'Olimpico è stata vietata la vendita per asporto ed il consumo per strada contenitori in vetro. La preoccupazione maggiore resta quella relativa ai 'cani sciolti', tifosi senza biglietto comunque arrivati in una Capitale dove il livello di allerta è già alto visto l'alto afflusso di turisti per il periodo natalizio ed i problemi al trasporto pubblico. Per questo motivo sono previsti attenti controlli anche ai caselli autostradali.Una città blindata perché, dopo quanto accaduto nel 2015 in occasione di Roma-Feyenoord con i danni alla fontana della Barcaccia in Piazza di Spagna, non si può abbassare la guardia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata