La Roma torna a correre: Spal in dieci si arrende 3-1
La Roma diverte e si diverte, la Spal si difende come può, tra enormi difficoltà

Dopo il mezzo passo falso con il Genoa la Roma riparte. E lo fa vincendo e convincendo nell'anticipo contro la Spal, battuta 3-1 in una gara dominata in lungo e in largo dai giallorossi ancor più di quanto non dica espressamente il risultato. Favoriti dall'espulsione in avvio di Felipe, Florenzi e compagni hanno ipotecato i tre punti nel primo tempo grazie ai gol di Dzeko e Strootman. Pellegrini in avvio ripresa ha calato il tris prima della rete della bandiera di Viviani, bravo a rimediare al rigore parato da Alisson.

Tra le note liete per i capitolini anche il rientro dei lungodegenti Patrik Schick ed Emerson Palmieri, entrambi in campo nel finale. La Roma sale così a 34 punti, agganciando momentaneamente la Juventus al terzo posto e portandosi a meno quattro dalla capolista Napoli, nell'attesa dello scontro diretto del San Paolo, avvicinandosi nel miglior modo possibile alla sfida decisiva di martedì in Champions League contro il Qarabag. Brutto stop invece per i biancoazzurri, non tanto dal punto di vista del risultato ma sul piano della tenuta mentale e atletica, dopo i segnali incoraggianti delle ultime uscite. Niente esordio dal 1' per Schick, Di Francesco punta su Under nel tridente completato da Dzeko ed El Shaarawy. A centrocampo Gonalons sostituisce lo squalificato De Rossi, in difesa sugli esterni largo a Florenzi e Kolarov, in mezzo Manolas fa coppia con Juan Jesus. Fazio si accomoda in panchina. Dalla parte opposta Semplici si affida a un 3-5-2 in cui Bonazzoli affianca Paloschi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata