La Juve tratta con il Real per Cristiano Ronaldo (e fa sul serio)
Ci sarebbe già un accordo di massima per un contratto quadriennale da 30 milioni di euro a stagione fino al 2022

"La Juve fa sul serio su Cristiano Ronaldo". Il titolo con cui Marca, quotidiano da sempre molto informato su quanto accade al Real Madrid, deve aver fatto saltare dalle sedie i tifosi bianconeri. Se nelle settimane scorse dell'interesse della Juve per CR7 si era parlato soprattutto in Italia, ora la conferma di una trattativa che avrebbe del clamoroso arriva direttamente dalla Spagna. Secondo Marca, infatti, i 7 volte Campioni d'Italia di fila sono i favoriti per l'acquisto del fuoriclasse portoghese, che dopo la finale di Champions League a Kiev aveva praticamente detto addio al Real Madrid. I bianconeri sarebbero in vantaggio su Paris Saint-Germain e Manchester Utd, gli altri due top club da tempo sulle tracce del cinque volte pallone d'oro, e sarebbero già in contatto con Florentino Perez per negoziare la clausola da 1 miliardo. Solo con una riduzione della clausola, infatti, l'operazione potrebbe andare in porto.

Allo stesso tempo, la Juve avrebbe già sondato la disponibiltà di Ronaldo e avrebbe raggiunto un accordo di massima per un contratto quadriennale da 30 milioni di euro a stagione fino al 2022, cinque in più della recente offerta di rinnovo del Real. La Juve conta proprio sulla volontà di CR7 per convincere Florentino Perez ad abbassare la clausola, visto che Ronaldo avrebbe ottenuto la garanzia dal presidente di agevolarlo per un addio a "una cifra ragionevole". Sempre secondo Marca, per arrivare a CR7 si sarebbe mosso il presidente Andrea Agnelli in persona, che avrebbe chiamato il 33enne Ronaldo in diverse occasioni "e la sintonia è totale". A solleticare il campione portoghese sarebbe "il rispetto" dimostrato dalla Juve nei suoi confronti e la sfida di provare a conquistare la Champions League con la terza maglia diversa: quella bianconera. Per arrivare a Ronaldo la Juve sarebbe pronta a sacrificare Gonzalo Higuain.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata