La Fiorentina vola in Europa: bis Kalinic, 3-1 allo Slovan
Il terzo gol siglato da Babacar

L'Europa si conferma un'isola felice per la Fiorentina. I viola cancellano le paure del campionato, ritrovano le reti dei propri attaccanti e superano 3-1 in trasferta lo Slovan Liberec ottenendo tre punti importanti in ottica qualificazione ai sedicesimi di Europa League. La squadra di Sousa infatti con questo successo vola a quota 7 punti, a +3 sul Paok e Qarabag.


Sousa non si fida dei cechi e limita il turnover confermando il doppio centravanti (Kalinic-Babacar) supportati da Borja Valero. A centrocampo spazio per il giovane Cristoforo, panchina per Bernardeschi e Ilicic. Dall'altra parte atteggiamento prudente per i padroni di casa, con il solo Komlichenko come terminale offensivo. Gli ospiti partono forte e Dubravka deve già opporsi al 5' sul tentativo di Kalinic presentatosi a tu per tu con il portiere. L'estremo difensore dello Slovan non si ripete però tre minuti dopo: Kalinic riceve palla da Babacar complice la deviazione di Horovka e questa vola non sbaglia. 1-0 viola. Il croato è scatenato e tre minuti dopo sfiora il raddoppio calciando a lato su invito di Borja Valero. Al 17' primo break dei cechi, che provano a uscire dal guscio, ma Tatarusanu risponde presente chiudendo lo specchio della porta a Sykora. La difesa del Liberec non riesce però ad arginare Kalinic, che al 23' trova il raddoppio: lancio in profondità di Astori, Karafiat buca l'intervento. Kalinic ringrazia e dopo aver saltato il portiere firma il 2-0. Forti dei due gol di vantaggio i toscani cercano di addormentare la partita, mantenendo il possesso palla e facendo girare palla. I padroni di casa provano a scuotersi con un tiro dalla distanza di Karafiat, di poco alto sopra la traversa. I viola rischiano al 42' quando solo un fondamentale anticipo di Olivera su Folprecht evita guai peggiori alla Fiorentina.


Anche nella ripresa è sempre Kalinic il pericolo numero uno per i cechi. L'attaccante al 2' conclude debolmente sul cross di Olivera. Poco dopo Astori rischia una clamorosa autorete sul cross dalla destra di Coufal. Sul calcio d'angolo successivo però lo Slovan accorcia comunque le distanze con una deviazione sotto misura a porta sguarnita di Sevcik dopo un primo tentativo di testa di Karafiat respinto da Tatarusanu. La Fiorentina tentenna e rischia grosso ma nel momento migliore della squadra ceca trova il tris che chiude la partita. Lo Slovan perde palla in proiezione offensiva, i viola ripartono velocemente in contropiede: Borja Valero serve in corsa sulla destra Tello, che crossa di prima per Babacar che non sbaglia da due passi segnando il 3-1. Lo Slovan non riesce più a risalire la china, anche perché a dieci minuti dalla fine rimane in dieci per l'espulsione di Breite, che rimedia il secondo giallo dopo un brutto intervento su su Gonzalo Rodriguez. La Fiorentina vince e ritrova fiducia in vista dei prossimi impegni in campionato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata