Juventus, Allegri: Higuain? I grandi giocatori sono sempre ben accetti
Il tecnico dopo l'amichevole con il San Mauro, finita 6 a 1: Pjanic? E' un ragazzo che conosce il calcio

"Di mercato non parlo, la società sta facendo un ottimo lavoro e sa cosa serve. Higuain? I grandi giocatori sono sempre ben accetti. Per competere ad alti livelli ci vogliono grandi giocatori di qualità". Lo ha detto il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri parlando a Vinovo al termine del primo test stagionale con il San Mauro, finito 6-1 in favore dei bianconeri. "I francesi spero rimangano alla Juventus - ha aggiunto in riferimento ai rientri di Evra e Pogba - Il mercato è lungo, al momento sono arrivati giocatori importanti come Pjanic, Dani Alves e Benatia. Dobbiamo lavorare e prepararci per questa stagione che risulterà molto più difficile dell'anno scorso perché ogni anno che passa si alza sempre di più l'asticella".

 

Sulla partita, Allegri osserva: "E' stato un buon test, con una buona intensità"."La preparazione procede al meglio - ha aggiunto l'allenatore bianconero - E' importante che non ci siano stati infortunati". Oltre a Dybala, autore di una tripletta, è stato subito protagonista anche Pjanic. "E' un ragazzo che conosce il calcio, non c'era bisogno di aspettare la gara di oggi - ha concluso - Ha fatto un buon test come tutta la squadra".

Circa 300 i tifosi stamattina a Vinovo per la partita contro il San Mauro, squadra piemontese che milita in Prima Categoria. Allegri ha schierato inizialmente la sua squadra con il 3-5-2 con Del Favero in porta, Lemina, Marrone e Rugani in difesa. A centrocampo sugli esterni hanno agito il giovane Lirola a Alex Sandro, con Asamoah ed Hernanes nel ruolo di mezzali e Pjanic in cabina di regia. Davanti spazio a Cerri e Dybala. A sorpresa il San Mauro si è portato in vantaggio dopo una decina di minuti con Greco Ferlisi. Immediata la reazione bianconera, con Pjanic protagonista assoluto: il centrocampista bosniaco prima ha servito ad Asamoah l'assist per il pareggio, poi ha segnato il 2-1 con un tiro da fuori area finito sotto la traversa. Circa a metà partita (il test è durato 50 minuti) Allegri ha cambiato modulo passando al 4-3-1-2 con Pjanic, già al centro del gioco bianconero, nelle vesti di trequartista. Con il passare dei minuti è salito in cattedra anche Dybala, autore di una  tripletta e di alcuni scambi interessanti con lo stesso Pjanic. Nel mezzo c'è stata gloria anche per il giovane Padovan, entrato dalla panchina e subito a segno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata