Juventus, Allegri: Battere l'Udinese per rubare punti a Roma o Napoli
"Marchisio sarà a disposizione, ma serve prudenza", spiega il tecnico bianconero

"Domani è la prima partita di un mese importante, abbiamo due scontri diretti con Milan e Napoli e un doppio confronto con il Lione in Champions. Bisogna battere l'Udinese perché ci permetterebbe di rubare punti in caso di vittoria alla Roma o al Napoli, o magari a entrambe". Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha presentato così in conferenza stampa la sfida con i friulani. "La prima gara dopo la sosta è sempre quella più difficile, bisogna rientrare dentro la nostra stagione - ha proseguito - Gli infortuni? Non sono un problema, gli unici indisponibili sono Pjaca, Rugani e Asamoah".

Parlando dell'avversario Allegri ha spiegato che "ha cambiato allenatore, una scossa la darà - ha spiegato - Delneri è un ottimo allenatore, bisogna avere umiltà e sapere che comunque bisogna portare a casa i tre punti". L'allenatore dei bianconeri ha escluso che il risultato di Napoli-Roma, in campo alle 15, possa influire sulla sua squadra. "Siamo solo all'inizio, comunque vada rimaniamo in testa e questo è già un risultato importante - ha concluso - Ma noi dobbiamo solo pensare a vincere". Con l'infortunio di Pjaca Allegri aggregherà in prima squadra il giovane Kean, attaccante di 16 anni della Primavera. "E' un ragazzo bravetto, con Pjaca fuori avendo tre attaccanti l'ho portato in prima squadra perché ha delle buone qualità, non è il solo, c'è anche un ragazzo del 2000 (Caligara, ndr), spero possa far bene".

MARCHISIO A DISPOSIZIONE. "Marchisio ha fatto una buona partitella, parlerò con lui e con i dottori. Il pericolo è dietro l'angolo, i rischi bisogna portarli a zero: l'ideale sarebbe quello di potergli dare un po' di spazio durante la partite, però sono contento perché sta andando molto bene". Allegri ha spiegato: "In questi casi serve prudenza, bisogna andarci cauti per cercare di gestire al meglio il minutaggio. Si guarisce dal ginocchio ma da sei mesi di inattività possono venir fuori altre problematiche".

NO CRITICHE A BUFFON. "E' una bestemmia criticare Buffon per un errore". Lo ha detto il tecnico della Juventus tornando sull'errore del portiere della Nazionale nel match contro la Spagna. "Ha fatto 3-4 errori in tutta la carriera ma per Buffon parlano i fatti, si difende da solo - ha spiegato in conferenza stampa alla vigilia della gara di campionato con l'Udinese - Ha fatto un errore tecnico di piede. Capita agli attaccanti, può farlo il portiere". A proposito delle gare disputate dagli azzurri, l'allenatore toscano ha ricordato che con la Spagna "alla fine poteva anche vincere - ha evidenziato - La Macedonia? Quelle partite sulla carta sono scontate ma vincere non è mai semplice. Sono contento perché quando la nazionale va bene tutto il sistema va meglio".

AUGURI A MILIK. "La corsa scudetto è ancora lunga, faccio gli auguri a Milik e soprattutto a Montolivo che putroppo negli ultimi anni non è stato fortunato". Così Allegri a chi gli chiede quanto possano incidere nella lotta al titolo gli infortuni del centrocampista del Milan e dell'attaccante del Napoli. "Spero di rivederlo in campo nel più breve tempo possibile", ha aggiunto l'allenatore bianconero in conferenza stampa alla vigilia della gara con l'Udinese.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata