Juve, Marotta: Non avremmo voluto cedere Pogba. Witsel? Rinviato
"La Champions nè un sogno né un'ossessione ma un obiettivo"

"La cessione di Pogba? Abbiamo seguito il suo desiderio. Il mancato arrivo di Witsel? Lo consideriamo un'operazione rinviata". Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, ha chiarito così sulle strategie del mercato bianconero che si è concluso da pochi giorni. Sulla cessione del fuoriclasse francese al Manchester United, il dirigente bianconero ha spiegato in un'intervista ai microfoni di JTV: "Il destino dei giocatori passa dalla loro volontà di andare via. Noi non volevamo venderlo, lo consideravamo un elemento importante. Lui ha ritenuto di vivere un'esperienza alternativa e davanti ad un idea del genere è impossibile trattenere un giocatore. Così abbiamo seguito il suo desiderio, allacciando una trattativa con lo United".

"Higuain sarebbe arrivato anche senza la cessione di Pogba? Il nostro obiettivo - ha proseguito l'ad bianconero - è mixare le esigenze economiche e arrivare ai massimi traguardi possibili, assemblando una squadra competitiva con giocatori di grande valore. E' una coincidenza che Pogba abbia deciso di andare via, noi volevamo rinforzarci in quel settore e tra gli obiettivi c'era Higuain". Marotta ha poi parlato di Witsel, operazione sfumata in extremis. "E' mancato un rinforzo a centrocampo? Nella sua totalità riteniamo che questa rosa sia competitiva, più forte dell'anno scorso. Punti di debolezza ce ne saranno ma possiamo contare in quel settore su Asamoah, che l'anno scorso ha giocato poco, su Lemina, un giocatore in crescita. I paragoni non sono da utilizzare, anche quest'anno il centrocampo annovera campioni interessanti". "Quella di Witsel - ha continuato Marotta - era una possibilità che si era creata, abbiamo proceduto alle visite mediche, con il consenso dello Zenit. Ma non si è concretizzata perché lo Zenit non ha concluso un'operazione in entrata. La consideriamo un'operazione rinviata".

Anche Matuidi è sembrato vicino ai bianconeri: "Abbiamo abbozzato una trattativa col Psg ma non si è conclusa. Nelle dinamiche tra giocatori e società noi non possiamo entrare. Prendiamo atto che Matuidi ha espresso il desiderio di venire da noi ma il Psg giustamente se l'è tenuto stretto". Sulla cessione di Zaza: "Voleva giocare con continuità. Abbiamo fatto investimenti importanti come Pjaca e Mandragora. Il nostro obiettivo è mescolare giovani e meno giovani per creare un nostro patrimonio calcistico e una rosa che possa permettere straordinari successi". Marotta ha quindi fatto chiarezza sull'esclusione di Lichtsteiner dalla lista Champions. "Non è legata a logiche tecniche, in quel settore abbiamo Dani Alves e Cuadrado e l'allenatore ha deciso di escluderlo. Ma non è legato ad un provvedimento diciplinare", ha assicurato. E a proposito della Champions League, Marotta chiosa: "nNon è né un sogno né un'ossessione, è un obiettivo". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata