Juve, gioia e lacrime per la festa scudetto e l'addio di Buffon
Applausi e lacrime, standing ovation, solo ed esclusivamente cuori, nessun bidone dell'immondizia

Qui, all'Allianz Stadium, c'è un po' di tutto. C'è gente pazzamente felice, ci sono volti rigati dalle lacrime, ci sono campioni immensi che lasciano, ci sono senatori che si congedano, ci sono i soliti a cui piace fare gli sgarbati perché va di moda così, c'è il popolo canterino in versione coro scatenato, mentre tracima in ogni angolo il desiderio di fare festa. La partita contro il Verona, già retrocesso, ovviamente inutile, è solo un pretesto, una sorta di beata scocciatura tra quello che succede prima, durante il riscaldamento, e quello che accade dopo, con la celebrazione, i coriandoli, il giro di campo, il pullman scoperto, le bollicine, la discoteca, i balli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata