Juve a Parma per proseguire striscia. Dybala verso altra esclusione
Massimiliano Allegri ha provato una formazione simile a quella che sabato contro la Lazio ha mostrato più solidità e garanzie rispetto a quella dell'esordio con il Chievo Verona

Prima e dopo la sosta. Massimiliano Allegri non smetterà mai di battere ulteriormente sul pulsante della massima attenzione quando la sua Juve si trova ad affrontare le partite prima e dopo la sosta. Indipendentemente dall'avversario di turno. Ora tocca al Parma, ma quel che interessa al tecnico è avere la Juve più pronta sotto ogni punto di vista. Ecco perché alla Continassa ha provato una formazione del tutto simile a quella che sabato contro la Lazio ha mostrato più solidità e garanzie rispetto a quella dell'esordio con il Chievo Verona.

Al rientro dalla sosta ci sarà spazio per una rotazione continua, si giocherà ogni tre giorni. Prima della sosta servono tre punti per evitare due settimane di critiche e chiacchiere. Anche se le decisioni di Allegri dovessero rendersi impopolari o lasciare qualcuno scontento, d'altronde è inevitabile ed è sempre stato così. Come quella che potrebbe portare nuovamente Paulo Dybala ad accomodarsi in panchina, un'esclusione che farà sempre discutere sia che si verifichi a Parma sia che si debba gestire in futuro. Intanto la formazione anti-Parma provata oggi in Continassa è di fatto la stesse di sabato scorso: Szczesny in porta, Cancelo, Bonucci, Chiellini e Alex Sandro in difesa, Khedira, Pjanic e Matuidi in mediana, con Bernadeschi e Mandzukic ad affiancare Cristiano Ronaldo. Tre i ballottaggi: quelli tra Cuadrado e Cancelo, tra Khedira ed Emre Can, tra Bernardeschi e Douglas Costa.

Sempre che la notte non abbia portato ad Allegri il consiglio di ribaltare nuovamente tutto, con Dybala in campo sarebbe con ogni probabilità 4-2-3-1. Dybala o non Dybala, quella di domani sarà in ogni caso la partita di Cristano Ronaldo. Chiamato a rispondere sul campo a tutte quelle critiche piovute per non aver voluto presenziare a Montecarlo in occasione del sorteggio di Champions e dell'assegnazione dello Uefa Player of the season poi finito a Luke Modric. Dovrà fare parlare il campo, magari trovando il primo gol ufficiale con la maglia della Juve. E le critiche di ieri saranno già messe in un cassetto. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata