Inter, Spalletti: "Icardi calciatore nuovo, ma contro la Lazio non è convocato"

Bocca cucita sul futuro dell'argentino

"Icardi? Per certi versi l'ho trovato come un calciatore nuovo, perché poi è tanto che non era con noi. Si è allenato e per certi versi dobbiamo reinserirlo bene in tutto il nostro comportamento in allenamento. Ritengo giusto che ancora in questa partita non possa aiutare i compagni di squadra, per cui per domani non è convocato". Queste le parole dell'allenatore dell'Inter, Luciano Spalletti, in conferenza stampa alla vigilia della sfida con la Lazio.

"Io ho fatto una proiezione del periodo che è passato dall'altra volta fino a ieri. Poi va considerato tutto. Mauro si è allenato con il gruppo questa settimana, ci sono delle cose nuove che sono successe. Ci sono da dover valutare cose nuove. Per domani non è convocato, per le prossime partite vedremo", ha aggiunto il tecnico nerazzurro. Lo stesso Spalletti ha poi glissato così su una domanda riguardante il futuro di Icardi in questa stagione: "Per il resto, questi sono i convocati e dobbiamo pensare alla partita di domani".

Quanto valgono i tre punti con la Lazio?, chiedono i giornalisti. "E' soprattutto in funzione di quello che è il valore della squadra, nel senso che sono una concorrente diretta, perché anche quest'anno stanno disputando un ottimo campionato, perché Simone Inzaghi li fa giocare bene e li ha messi nei ruoli precisi. Se non saremo bravi a guadagnare campo in qualsiasi scarico, andando in avanti, loro ti possono creare problemi e i tre punti diventano più pesanti perché è una concorrente diretta", ha spiegato Spalletti. "In questa settimana non siamo stati molto fortunati, però noi abbiamo una rosa che può andare a sostituire chiunque. Davanti c'è qualche problema, visto il problema che stiamo attraversando, ce lo crea ma anche lì abbiamo delle soluzioni e abbiamo la possibilità di cogliere l'obiettivo", ha aggiunto riferendosi agli infortuni di de Vrij e Lautaro Martinez con le rispettive nazionali. "E' chiaro - ha sottolineato il tecnico di Certaldo - che se andiamo a fare un'analisi di quello che è successo finora, ci siamo un po' incasinati in delle partite. Dipende tutto da come ci arriviamo a noi e da ciò che riusciremo a proporre nella partita".

"Queste due partite sono di un livello di pericolosità importante, ma anche quella precedente per come ci arrivavamo. Noi dobbiamo essere bravi a giocare il calcio che possiamo giocare, che in tante partite abbiamo fatto vedere e che ci siano sempre le stesse intenzioni a livello mentale, che si può andare a vincere in qualsiasi campo", ha sottolineato Spalletti.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata