Il Sassuolo lascia l'Europa League: sconfitto per 2-0 dal Genk
Congedo amaro per gli emiliani guidati da Di Francesco: Bel sogno, peccato sia finito

 Il Sassuolo saluta l'Europa League con una sconfitta. Il Genk espugna infatti il Mapei Stadium nel recupero della gara rinviata ieri per nebbia battendo 2-0 la squadra di Di Francesco nell'ultima giornata del Gruppo F di Europa League. Le reti belghe, siglate entrambe nella ripresa, portano la firma di Heynen e di Trossard. Il Genk chiude così il girone al primo posto in classifica con 12 punti, 2 in più dell'Athletic Bilbao secondo. I neroverdi chiudono la loro prima storica avventura europea all'ultimo posto a quota 5. Un peccato, perchè senza l'incredibile serie di infortuni, il Sassuolo avrebbe certamente potuto giocarsi la qualificazione fino alla fine.

Visti gli infortuni e l'impegno ravvicinato in campionato, Di Francesco è costretto a schierare una formazione ampiamente rimaneggiata. Primo tempo avaro di emozioni al Mapei Stadium. Il Sassuolo, ben messo in campo, affronta la compagine belga a viso aperto e sempre pronto a ripartire in contropiede. E' però il Genk a rendersi pericoloso in una sola occasione con un tiro rasoterra di Samatta di un soffio a lato.

Nella ripresa il Genk aumenta il ritmo alla ricerca della vittoria. Dopo una clamorosa occasione sventata da Antei su Samatta, al 58' i belgi passano in vantaggio con un destro preciso di Heynen su assist di Samatta. Il Sassuolo prova a reagire e al 76' sfiora il pareggio con un gran tiro da fuori area di Mazzitelli che sbatte prima sulla traversa e poi sulla linea di porta. A dieci minuti dalla fine arriva il raddoppio del Genk con Trossard su assist di Karelis. La partita finisce con i giocatori neroverdi comunque applauditi dai tifosi presenti allo stadio nonostante l'orario e la giornata lavorativa.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata