Il "gran rifiuto" del 24enne Kepa Arrizabalaga
Il Chelsea punisce Kepa: una settimana di stipendio in beneficienza per il no alla sostituzione

La decisione della società dopo le scuse del portiere che si è rifiutato di uscire in polemica con la decisione di Sarri. Ha chiesto scusa ad allenatore e compagni

Una settimana di stipendio in beneficenza. Questa la multa che il Chelsea ha deciso di infliggere al suo portiere, Kepa Arrizabalaga, per aver rifiutato la sostituzione negli ultimi minuti della finale di Coppa di Lega di domenica scorsa andando contro le disposizioni tecniche del suo allenatore, Maurizio Sarri. La multa, circa 220.000 euro, stando alla stampa inglese, sarà devoluta alla fondazione del club, ha dichiarato la squadra londinese che ha perso domenica ai calci di rigore contro il Manchester City. "Ho fatto un grosso errore nel modo in cui ho gestito la situazione", ha detto in un comunicato il portiere spagnolo di 24 anni, arrivato la scorsa estate per 80 milioni di euro. "Imparerò da questo episodio e accetterò qualsiasi punizione o sanzione", ha aggiunto chiedendo scusa per il comportamento assunto domenica scorsa. "Si è scusato con me, i suoi compagni e il club", ha aggiunto Sarri. "Spetta al Chelsea vedere se vogliono punirlo secondo le regole, ma da parte mia il caso è chiuso", ha aggiunto il tecnico italiano.

La scena, nel finale della partita con il Manchester City è stata davvero insolita. Quando mancava circa un minuto alla fine dei tempi supplementari, Kepa si è accasciato a terra in preda ai crampi. Dalla panchina, Sarri ha mandato subito a scaldarsi il secondo portiere Caballero forse anche con l'idea che l'estremo difensore (considerato un parargiori) poteva essere una scelta migliore per lo shoot off dagli 11 metri. Ma Kepa ha cominciato a fare ampi cenni di diniego alla panchina rifiutandosi di uscire. Sarri e Zola non l'hanno presa bene e i labiali hanno mostrato tutto il loro disappunto. Poi Sarri si è addirittura alzato dalla panchina e si è diretto negli spogliatoi come se avesse deciso di abbandonare la panchina per protesta verso il suo portiere. Alla fine è stato l'arbitro a rivolgersi a Kepa chiedendogli: "Vuoi uscire, oppure no?". Kepa è rimasto fermo sulla sua posizione e la panchina del Chelsea non ha avuto altra scelta che accettare. Dopo il fischio finale e un breve intervallo, Kepa è andato in porta con aria molto sicura. Sui rigori, è andato così così: ha preso gol su un tiro completamente sbagliato e parabile di Aguero, poi ne ha parato uno assai più difficile a Sané, ma il Chelsea è stato sconfitto per gli errori di Jorginho e David Luiz (palo). Ovviamente, la questione è stata interpretata dai tifosi (che ce l'hanno con Sarri) e dai critici come un problema di leadership dell'allenatore italiano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata