Icardi verso Napoli? Ore decisive per sbarco sotto il Vesuvio
Oggi incontro tra Mancini e vertici di Suning, se il tecnico se ne va arriva Leonardo o Villas-Boas

Aurelio De Laurentiis ha fretta di sostituire Gonzalo Higuain non tanto nel cuore dei tifosi ma nell'organico a disposizione di Maurizio Sarri. Il presidente partenopeo sta portando avanti due trattative: con l'Inter per il cartellino dell'argentino e con l'argentino stesso per ingaggio e diritti di immagine. Ai nerazzurri De Laurentiis è arrivato a offrire 45 milioni di euro più bonus, al giocatore invece 6 milioni all'anno e il 50% dei diritti di immagine. Icardi ne chiede uno in più. Il numero uno del Napoli oggi dovrebbe partire con un'altra offerta, sia per l'Inter che per Maurito. Molto, comunque, dipenderà dall'esito dell'incontro statunitense tra Roberto Mancini e i vertici di Suning.

E', infatti, un giorno decisivo per il destino dell'Inter. Oggi i vertici cinesi incontreranno Mancini negli Stati Uniti per capire com'è la situazione e per vedere se esistono margini di ricomposizione del rapporto dopo l'infruttuoso incontro con l'ex proprietario, l'indonesiano Erick Thohir. Tanti i nodi da sciogliere, principalmente quello del mercato: Mancini pare orientato alle dimissioni, a meno che i cinesi non gli offrano concrete garanzie per il presente e per il futuro.

L'Inter sta comunque già pesando al sostituto di Mancini nel caso in cui l'incontro di oggi tra tecnico e Suning non avesse uno sbocco positivo. I candidati alla successione sono Leonardo, che ha già guidato i nerazzurri e che successivamente potrebbe avere un ruolo anche da dirigente in società; il portoghese Villas-Boas, per tanti anni vice di José Mourinho; l'olandese De Boer, un pallino di Erick Thohir. Meno verosimili le ipotesi di Fabio Capello e di Diego Simeone, almeno per quest'anno.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata