Ibra trascina ancora il Milan: Cagliari ko 3-0, Zenga saluta
Ibra trascina ancora il Milan: Cagliari ko 3-0, Zenga saluta

La squadra di Pioli chiude al sesto posto con la qualificazione ai preliminari di Europa League

 Il Milan chiude con una vittoria il campionato 2019/2020, 3-0 ai danni di un Cagliari ormai in disarmo. L'autogol di Klavan, i gol di Ibrahimovic e Castillejo consentono alla squadra di Pioli di chiudere al sesto posto con la qualificazione ai preliminari di Europa League. Un Milan dal rendimento altissimo dopo il lockdown, 8 vittorie e soli 3 pareggi. Peccato che questo risveglio sia arrivato troppo tardi per tentare una risalita maggiore in classifica. Alla bellezza di 38 anni Ibrahimovic chiude con 10 gol in metà campionato, potevano essere 11 se non avesse sbagliato anche un rigore. Termina con una sconfitta, invece, l'avventura di Zenga sulla panchina del Cagliari. Il tecnico è stato di fatto congedato dal presidente Giulini prima della partita.

 Nel Milan, Pioli ritrova Castillejo sulla trequarti con Calhanoglu e Leao alle spalle di Ibrahimovic. In difesa c'è il giovane Gabbia al fianco di Kjaer. Nel Cagliari, Zenga si affida in avanti alla coppia Pereiro-Simeone.

 Nella sauna di San Siro, dopo dieci minuti di sostanziale dominio il Milan passa in vantaggio alla prima occasione con uno sfortunato autogol di Klavan che devia nella propria porta un destro di Leao respinto dal palo. La squadra di Pioli è padrona del campo e continua ad attaccare tanto da sfiorare a più ripresa il raddoppio prima con Ibrahimovic e poi con Leao che colpisce una traversa clamorosa su una sforbiciata volante da centro area. Proprio l'attaccante portoghese dopo mezzora è costretto a fermarsi per un problema muscolare, al suo posto dentro Bonaventura. Il Cagliari prova ad approfittarne, sfiorando il pareggio con Faragò ma è un fuoco di paglia. Prima dell'intervallo, occasionissima per il Milan con Ibrahimovic che si fa parare da un super Cragno un rigore concesso per fallo di mani in area di Ceppitelli.

 In avvio di secondo tempo, ancora la squadra di Pioli sfiora il raddoppio con Calhanoglu che spara alto tutto solo davanti a Cragno. Il secondo gol del Milan arriva meritato al 55', con una sassata di Ibrahimovic in diagonale con palla sotto la traversa. Il tempo di rimettere la palla al centro e arriva anche il 3-0 rossonero, firmato dal rientrante Castillejo con una bella girata di sinistro da centro area su assist di Bonaventura. Partita di fatto finita. Nel finale, girandola di cambi con i due allenatori che danno spazio a diversi giovani delle rispettive formazioni giovanili. Nel Milan entra anche Daniel Maldini, figlio di Paolo. Nel Cagliari si rivede invece Pavoletti, dopo una lunghissima assenza per un infortunio al ginocchio. Complice anche il caldo afoso, la gara si trascina senza troppi sussulti fino al triplice fischio dell'arbitro. Da segnalare solo una grande parata di Donnarumma su Faragò, il graffio del campione.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata