Guardiola loda il Napoli: "Mi piace vederlo in campo, imparo molto"
Ma De Laurentiis non si fida: "Sono dichiarazioni che mi preoccupano, non vorrei che i suoi complimenti deconcentrassero i giocatori"

"Il Napoli gioca in maniera completamente diversa rispetto agli avversari che troviamo in Premier League perciò dovremo adattarci. Sia da spettatore che da tecnico mi piace guardare le loro partite, quando sono a casa mi piace vedere come giocano. E imparo molto". Queste le parole del tecnico del Manchester City Pep Guardiola in conferenza stampa alla vigilia del match di Champions League contro i campani. "Domani è un grande test per noi, per me è una sfida affascinante - ha proseguito l'allenatore spagnolo - Sono sicuro sarà una bella partita e spero che i tifosi vengano ad aiutarci". I Citizens sono reduci dal roboante successo ottenuto in campionato contro lo Stoke City (7-2). "E' una nuova partita, una nuova competizione - ha sottolineato - Dobbiamo concentrarci su quello che dobbiamo fare".

"Ho letto i commenti di De Laurentiis alle mie parole, ma sono fermamente convinto che sia una grande squadra. Se invece mi volete far dire che è una squadra disastrosa lo dico, ma non è ciò che penso. Quando in Italia si vincono 8 partite consecutive vuol dire che si è veramente forti: domani sarà una partita affascinante", ha aggiunto l'ex tecnico del Barcellona.

Il presidente azzurro, infatti, non sembra non aver apprezzato particolarmente gli elogi di Guardiola: "Ha detto che il Napoli gioca il più bel calcio d'Europa? Sono dichiarazioni che mi preoccupano", ha dichiarato nell'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. "Mi è piaciuto di più Di Francesco quando ha detto che la sua Roma ci avrebbe battuti. La sue certezze sono servite a caricare i miei giocatori. Ora non vorrei che i complimenti di Guardiola li deconcentrassero. Lui è una vecchia volpe, sa bene che la qualità del suo organico è notevole. Per noi potrebbe anche essere una partita quasi impossibile da vincere. Poi, però, li aspetteremo a Napoli", ha ribadito De Laurentiis.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata