Gabbiadini: Tifo Napoli ma auguro alla Juve di far bene in Champions
L'ex attaccante azzurro: "Giusto che il calcio italiano si faccia notare"

"Chi tiferò in Champions? Mi piace vedere le partite e farò il tifo per l'unica italiana che è rimasta perché sono italiano e perché è giusto che il calcio italiano si faccia notare anche in Europa. Ho giocato nel Napoli, tifo Napoli e non Juve ma sono italiano e spero che vada avanti e riesca a fare bene". Lo ha detto Manolo Gabbiadini, attuale attaccante del Southampton, ai microfoni di Premium Champions. L'ex giocatore dei campani si è soffermato poi sull'eliminazione in coppa del Napoli per mano del Real Madrid. "Peccato, hanno giocato come sanno, hanno messo in difficoltà una squadra di campioni e non meritavano di uscire: hanno subito dei gol sfortunati. Hanno dimostrato che ci sono ma si sapeva già questo. Negli anni che verranno se ne vedranno delle belle - ha sottolineato - Il rapporto con Sarri? Non è successo niente, è un grandissimo allenatore, come ho sempre detto, ed è merito suo se il Napoli ora gioca in questo modo".

Gabbiadini ha parlato anche della qualificazione del Leicester ai quarti di finale. "Ho visto un po' la partita, hanno fatto una bella impresa - ha evidenziato - I giocatori possono 'cacciare' un allenatore come si è detto per quelli del Leicester? I giocatori sono quelli che scendono in campo, quindi fanno il 90% di una squadra. L'anno scorso hanno fatto qualcosa di straordinario e se non l'avessero fatto e quest'anno si fossero salvati all'ultimo magari non avrebbero cacciato Ranieri e l'avrebbero anche ringraziato. Il calcio è questo, c'è poca riconoscenza perché secondo me Ranieri si meritava qualcosa di più", ha concluso.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata