Follia del Psg per arrivare a Neymar: sul piatto ben 193 milioni
L'attaccante brasiliano del Barcellona è l'obiettivo numero della squadra pariginia nella prossima finestra di mercato estiva

L'attaccante brasiliano Neymar è l'obiettivo numero 1 del Paris Saint-Germain nella prossima finestra di mercato estiva, anche se non sarà facile strapparlo al Barcellona. E' quanto scrive oggi il quotidiano francese l'Equipe, secondo cui il club francese sarebbe pronto a versare per intero i 193 milioni di euro della clausola rescissoria presente nel contratto di Neymar. Il brasiliano è legato al Barcellona da un contratto con scadenza 2018, ma sempre secondo l'Equipe non disdegnerebbe trasferirsi armi e bagagli a Parigi. Il Psg da mesi avrebbe intensificato i rapporti con il padre e l'agente del giocatore. Neymar è preferito a Cristiano Ronaldo soprattutto per la differenza di età, 24 anni contro i 31 del portoghese, che ne fanno il fuoriclasse del futuro.

Già nei giorni scorsi era stato il padre del giocatore brasiliano a parlare di un'altra super offerta, quella da 190 milioni del Manchester United:per l'asso brasiliano sarà una guerra a suon di denaro.

 "Neymar ha un contratto con il Barça fino al 2018", ha detto il suo agente Wagner Ribeiro a L'Equipe. "Sta bene a Barcellona, è amato e sta giocando per la squadra migliore del mondo", ha aggiunto. Ribeiro ha però sottolineato che "la prospettiva di vivere in una città come Parigi e giocare per un club come il PSG è un sogno per ogni giocatore. Vedremo fra due anni, quando sarà alla fine del suo contratto". Qualcosa potrebbe accadere anche prima di allora, però, con Ribeiro che ha riconosciuto come il PSG sia una delle poche squadre al mondo in grado di finanziare l'acquisto di una superstar come Neymar. "Se il PSG il mostra un interesse per Neymar, ne possiamo discutere. Un contratto può essere disdetto purché venga versata la clausola. È enorme: 193 milioni di euro. Ma non credo che sarebbe un problema insormontabile per il PSG", ha concluso l'agente.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata