Figc, oggi si elegge il presidente: sfida tra Abodi e Tavecchio
"Vedremo chi avrà più coraggio, chi sarà più generoso" dice lo sfidante

Si elegge oggi il presidente della Figc. Andrea Abodi sfida Carlo Tavecchio. "Se sono emozionato? Siamo uomini, è giusto e anche bello provare emozione perché è una giornata importante: in parte è il coronamento di un percorso e in parte, magari, è l'inizio di uno nuovo" ha detto lo sfidante Abodi, arrivando all'assemblea elettiva Figc all'Hotel Hilton di Fiumicino. "Questa è come una partita di calcio e come ogni partita non c'è mai un risultato scontato. Vedremo chi avrà più coraggio, chi sarà più generoso e chi avrà più fantasia, come cantava De Gregori". 

Ma lo zoccolo duro di Tavecchio sarà duro da scardinare:  "Lo abbiamo già dichiarato l'altro giorno, come Milan pensiamo che Tavecchio abbia lavorato bene, voteremo per lui e vediamo come finisce". Così l'ad rossonero, Adriano Galliani, arrivando all'Hotel Hilton. "In questo momento abbiamo più bisogno dell'esperienza di Tavecchio, poi in futuro anche di Abodi al quale auguro di diventare il presidente della Lega di Serie A" ha detto invece il numero uno del Palermo, Maurizio Zamparini. "C'è un'assemblea che si deve tenere. La posizione della Lega A la conoscete, la larghissima maggioranza è per il presidente Tavecchio" ha confermato il numero uno della Lega A, Maurizio Beretta.

ARBITRI CON TAVECCHIO  "Il presidente Tavecchio, nonostante i tagli dei contributi del Coni, ci ha permesso di fornire un servizio di qualità e di lavorare con tranquillità senza sottrarre un euro al nostro bilancio, è stato trovato un sponsor e si è dato spazio ad un progetto avveniristico come la Var. Noi sosteniamo chi si ricandida e ci ha fatto del bene con il nostro appoggio". Lo dice il numero uno dell'Aia, Marcello Nicchi, nel suo intervento all'assemblea elettiva della Figc. "Abbiamo esaminato lo stato dell'arte e nessuno ci ha tirato per la giacchetta", conclude.

GIOCATORI CON ABODI.  "In questa federazione vedo molte catene legate alle poltrone. Il nostro appoggio è al presidente Abodi e ad un percorso di partecipazione e condivisione che negli ultimi due anni non c'è stata". Lo dice invece il presidente dell'Assocalciatori, Damiano Tommasi, nel corso dell'assemblea elettiva a Fiumicino. "Per i 52 ragazzi che sono qua come delegati venire e vedere che le cose vanno al contrario è come vedere una star di Hollywood senza trucco".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata