Figc, fumata nera nella prima votazione, Tavecchio al 56.49%
Lo sfidante Andrea Abodi si è invece fermato al 42.91%

Fumata nera nella prima votazione per l'elezione del presidente della Figc. Il numero uno uscente Carlo Tavecchio ha incassato il 56.49% delle preferenze. Lo sfidante Andrea Abodi si è invece fermato al 42.91%. Per essere eletto al primo turno un candidato doveva ottenere i tre quarti dei voti validamente espressi. Al secondo scrutinio invece basteranno i due terzi dei voti.

"Sono molto felice, sereno e privilegiato. Non ho mai pensato di ritirarmi né di negoziare: la mia dignità non ha prezzo. Ho fatto quello che sentivo e ritenevo giusto. Oggi è una bella giornata, stasera vado a giocare a calcetto e domani è il mio compleanno. Spero di svegliarmi da presidente, altrimenti ricomincerò da qualche altra parte", ha detto Abodi nel suo discorso all'assemblea elettiva.

"Ritengo di avere il necessario entusiasmo per portare avanti il mio compito", ha dichiarato Tavecchio durante il suo intervento. "Nell'estate del 2014 la nostra federazione si è trovata ad affrontare un'emergenza alla quale abbiamo dovuto far fronte in tempi brevi considerando da dove siamo partiti posso dire che al termine del mio breve mandato abbiamo una crescita delle nostre naizonali, una credibilità internazionale consona al rango della Figc ed uno sviluppo del calcio giovanile e finalmente anche femminile inoltre abbiamo i conti in ordine". Se sarò rieletto, ha affermato ancora Tavecchio, "il mio primo obiettivo sarà dare un ulteriore forte impulso alle politiche giovanili".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata