Favola Coppa Italia, Inter batte Pordenone solo ai rigori
Incredibile a San Siro, i neroverdi friulani (quinti in C) fanno 0-0 dopo 120 minuti con la squadra in testa alla serie A. Poi perdono al settimo rigore. Decisivo Nagatomo

Miracolo a San Siro, i ragazzi del Pordenone portano l'Inter ai rigori negli ottavi di Coppa Italia. Poi, dopo sette tiri dal dischetto, passano i nerazzurri con una parata di Padelli e il tiro decisivo di Nagatomo. Una vera e propria favola per i ragazzi di Colucci (quinti nel campionato di serie C) che sfiorano un'impresa storica

Spalletti fa il turn over, ma i giocatori di Colucci ce la mettono tutta, si difendono con ordine e concentrazione ma non rinunciano mai a ripartire e a creare anche alcune occasioni. L'Inter, ovviamente, attacca sempre, ma trova difficoltà e rischia anche nel primo tempo quando Magnaghi si gira al limite a spara in porta. Grande parata di Padelli che devia il pallone sul palo. Nella ripresa, l'Inter parte bene e crea alcune palle gol ma, a poco a poco, il Pordenone riesce a mantenere il controllo della partita. Neanche gli ingressi di Brozovic, Perisic e Icardi (per Dalbert, Pinamonti e Karamoh) riescono a sbloccare la gara nei 90' regolamentari. Stesso risultato dopo l'overtime. L'Inter attacca e prende un palo con Icardi. Il portiere Perilli le prende tutte. Si arriva a 120 minuti di gioco ed è sempre 0-0. I rigori finiscono come detto. Ci vuole una grande parata di Padelli (che aveva già parato il primo) sul tiro di Parodi e poi il rigore finale del "soldato" giapponese. Iòl portiere del Pordenone, Perilli ne ha parati due: a Skriniar e a Gagliardini. Spalletti va a fare i complimenti a Colucci e quasi gli chiede scusa.

Queste le formazioni scese in campo all'inizio:

Inter (4-2-3-1): Padelli; Nagatomo, Skriniar, Ranocchia, Dalbert; Vecino, Gagliardini; Cancelo, Eder, Karamoh; Pinamonti. Allenatore: Luciano Spalletti.

Pordenone (4-3-2-1): Perilli; Formiconi, Stefani, Bassoli, Nunzella; Misuraca, Burrai, Lulli; Maza, Berrettoni; Magnaghi. Allenatore: Leonardo Colucci.

Arbitro: Juan Luca Sacchi

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata