Euro 2016, storica Polonia: Milik firma la prima vittoria
Sconfitta l'Irlanda del Nord per 1-0

 La prima vittoria della Polonia in una fase finale dell'Europeo porta il nome di Arkadiusz Milik, stella dell'Ajax, 22 anni appena compiuti. E' lui ad aver segnato il gol con la quale la nazionale di Adam Nawalka ha superato l'Irlanda del Nord, un avversario praticamente imbelle. Netta la differenza di valori tra le due formazioni, anche se Lewandowski e compagni hanno faticato più del previsto per conquistare la vittoria e mettersi in una posizione di relativa tranquillità. Il prossimo appuntamento, infatti, sarà contro la Germania, una delle favorite per il trionfo finale.

PALLONE LISCIATO C'è voluta mezz'ora abbondante per assistere a un'occasione da gol, costruita dalla Polonia in capo a una bella azione corale. Occasione che Milik (31')ha sciupato malamente con un sinistro fuori misura da distanza ravvicinata. Lo stesso Milik, al '6, aveva lisciato un pallone in piena area di rigore: non una chance clamorosa ma di sicuro l'attaccante dell'Ajax poteva comportarsi meglio.

LO SPETTACOLO Se la Polonia per lo meno sotto il profilo dell'atteggiamento ha provato a segnare, l'Irlanda del Nord ha quasi sempre agito in contenimento e non è mai riuscita ad affacciarsi dalle parti di Szczesny. Una passività che è sembrata indispettire il ct Michael O'Neill e che certamente non ha giovato allo spettacolo. Al di là del ritmo - abbastanza alto tenuto conto della temperatura - la partita di Nizza nel primo tempo ha offerto davvero poco o nulla di gradevole. L'opportunità di Milik, un tiro di Kapustka che ha impegnato McGovern, l'esterno della rete di Glik e basta.

ILLUSIONE DEL GOL Nella ripresa il match ha subito una accelerazione, ovviamente per merito della Polonia che al 51' è passata in vantaggio con un rasoterra di Milik, su assist di Blaszczykowski. Lo stesso centrocampista della Fiorentina ha sfiorato il raddoppio al 68', con un diagonale finito poco distante dal palo. L'unico brivido per la nazionale di Nawalka lo ha provocato Washington, entrato al posto di Shane Ferguson, ma l'uscita di Szczesny ha evitato il pareggio. Poteva succedere qualcosa se Steven Davis (86') avesse agganciato un pallone invitante, invece la bomba dalla lunga distanza di Krychowiak (88') ha dato l'illusione del gol a portiere battuto.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata