Euro2016, grande attesa per Italia-Germania: aperte le scommesse
Favorita per i bookie la nazionale tedesca ma gli azzurri sono pronti a dare il massimo

Servirà un'impresa titanica. Antonio Conte non usa mezzi termini parlando del prossimo avversario dell'Italia a Euro 2016. Dopo la Spagna - eliminata agli ottavi con una prestazione superba - nei quarti di finale agli azzurri tocca un'altra delle grandi favorite, la Germania campione del mondo. Forse la peggiore avversaria che potessimo incrociare: l'Italia è sfavorita nelle scommesse sulla gara di Bordeaux, ma la storia insegna che gli azzurri danno il massimo e anche di più quando affrontano i tedeschi che contro l'Italia hanno rimediato le sconfitte più brucianti, a partire dal 4-3 dei mondiali 1970, a finire alla semifinale di Euro 2012. Un motivo in più, oltre alla quota attraente sulla vittoria, per puntare sugli azzurri dati a 3,95 sul tabellone 888sport.it, anche perché in competizioni ufficiali la Germania non ci ha mai battuto. Per i nuovi giocatori, poi, c'è la possibilità di puntare con la 'Quota Migliorata', con l'Italia Vincente a quota 12,00 anziché 4,10.

"Dopo la vittoria contro la Spagna - commenta Itai Pazner, Senior Vice President B2C di 888 - siamo più che felici di aver pagato i nostri scommettitori che avevano puntato sugli azzurri, bancati a 4,30. In questo Europeo stiamo proponendo quote davvero alte non per mancanza di fiducia, ma perché vogliamo che chi punta su 888sport.it possa esultare due volte: per la propria squadra e per la vincita". Il pronostico per il match di sabato è pro-tedeschi, comunque: la Mannschaft vincente è piazzata a 2,25, mentre il pareggio vale 3,05. Germania-Italia è anche e soprattutto la sfida tra due difese al top: quella tedesca è ancora imbattuta, quella azzurra ha subìto solo una rete fino a qui. Una statistica che fa virare le quote verso l'Under (quindi su una gara con meno di tre gol totali), blindato dai quotisti a 1,50. Un match con meno di due gol complessivi (quindi Under 1,5 sulla lavagna scommesse) è dato invece a 2,45.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata