De Laurentiis: Rinnovo di Mertens? Conta rosa, no singoli
"Juve in finale Champions? Ben venga un loro successo"

"Mertens? I tifosi devono stare tranquilli. Io non mi dimenticherò che quando arrivò Cavani per Quagliarella mi volevano uccidere. Finchè a Napoli ci sarà una continuità imprenditoriale non devono preoccuparsi". Così Aurelio De Laurentiis, allenatore del Napoli, nel corso di una intervista esclusiva ai microfoni di Sky Sport. "Se dovesse esserci un qualcosa di imprevedible allora si dovranno preoccupare. Chi avrebbe immaginato che senza Higuain e con Milik infortunato, Mertens sarebbe venuto fuori come vero centravanti. Ma non è detto che se dovesse andare altrove potrebbe ripetere quanto fatto quest'anno", ha aggiunto il patron azzurro. "Si gioca non con una sola squadra, perchè le partite sono tante e serve un diverso tipo di approccio. Noi dobbiamo pensare a un contesto di rosa, l'importante non è il singolo", ha concluso De Laurentiis.

De Laurentiis è intevenuto anche sulla Juve in finale di Champions: "Noi più punti guadagniamo e più avremo benefici e seguaci in tutto il mondo. Ben venga un successo, non sono contrario alla Juventus perchè è la nostra prima antagonista. In Europa il discorso è diverso"

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata