Coppa Italia, cori razzisti e antisemiti dalla curva della Lazio nel match contro il Novara. Aperta un'indagine

È successo alla mezz'ora di gioco, nel mirino tifosi della Roma e carabinieri

Durante il primo tempo della partita di Coppa Italia tra Lazio e Novara, alcuni cori antisemiti a sfondo razzista sono partiti dalla Curva Nord (quella dei tifosi biancocelesti) nei confronti di carabinieri e tifosi della Roma. "Giallorosso ebreo" il primo, e "questa Roma qua sembra l'Africa" il secondo. All'Olimpico sono presenti 13 mila persone. I canti sono arrivati da un ristretto gruppo della curva e nel 'semideserto' degli spalti l'eco è evidente. La digos di Roma è al lavoro per individuare i responsabili, al vaglio le immagini delle telecamere.

I disordini contro la polizia durante l'anniversario del club - I tifosi biancocelesti si sono resi protagonisti in negativo anche in settimana con scontri contro la polizia martedì notte alla manifestazione per il 119esimo anniversario del club. E sempre a tema razzismo, alcuni manifesti sono apparsi nel quartiere di Prati e alla Balduina contro i tifosi della Lazio. "Lazio, Napoli, Israele, stessi colori", questa la scritta. A stamparli e diffonderli alcuni ultras della Roma. 

Il caso Anna Frank - Quasi un anno fa era capitato il brutto episodio degli adesivi di Anna Frank con indosso la maglia della Roma, attaccati da alcuni ultras della Lazio nella Curva Sud dell'Olimpico, la parte di stadio occupata dai tifosi giallorossi. Allora la società di Lotito se la cavò piuttosto bene con solo un'ammenda di 50mila euro e nessun turno a porte chiuse.

La scrittrice ebrea-tedesca, deportata nel campo di concentramento di Bergen-Belsen (Germania), fu di nuovo protagonista ad aprile dello stesso anno, nominata in cori da parte di alcuni tifosi biancocelesti a ponte Milvio prima del derby di Roma, sempre ai danni dei tifosi giallorossi. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata