Coppa Italia, Bernardeschi e Kean stendono il Bologna: Juve 2-0 e ai quarti

Tutto semplice per i bianconeri che vincono in scioltezza evitando i supplementari e sono pronti per la Supercoppa contro il Milan. Ai quarti affronteranno la vincente tra Cagliari e Atalanta 

Missione compiuta. Con il minimo sforzo e tanti big inizialmente in panchina, fra cui Ronaldo, la Juventus si qualifica per i quarti di finale di Coppa Italia battendo il Bologna al Dall'Ara per 2-0. Un gol per tempo di Bernardeschi e del millennial Kean consentono alla squadra di Allegri di aprire il 2019 così come si era chiuso il 2018: vincendo. Reduce da 4 trionfi di fila in Coppa Italia, la Juve punta ad una cinquina storica mai riuscita a nessuno. Prestazione sul velluto dei bianconeri, troppo superiori sia sotto l'aspetto tecnico che mentale. Il Bologna, reduce da 6 sconfitte e 6 pareggi, ci prova anche ma di fatto riesce solo a fare il solletico ai campioni d'Italia. In vista della Supercoppa di mercoledì e di una seconda parte di stagione ricca di impegni, Allegri ha ottenuto buone indicazioni in particolare da Spinazzola e dallo stesso Kean. Nei quarti di Coppa Italia i bianconeri affronteranno la vincente di Cagliari-Atalanta.

Cristiano Ronaldo e Dybala in panchina, spazio a Bernardeschi e Kean. Sono queste le novità principali nella formazione della Juventus. Allegri schiera anche per la prima volta da titolare Spinazzola a sinistra mentre in difesa all'ultimo momento Chiellini prende il posto di Benatia, fermato da un problema muscolare nel riscaldamento. A centrocampo Emre Can con Pjanic e Khedira. Nel Bologna, invece, Pippo Inzaghi schiera subito i neo acquisti Soriano a centrocampo e Sansone in attacco al fianco di Destro. Prima della gara contestazione dei tifosi di casa alla dirigenza e al patron Saputo.

I RISULTATI DEGLI OTTAVI DI COPPA ITALIA

Pronti via e Juve subito pericolosa con un colpo di testa di Kean su cross di De Sciglio dalla destra. Nell'occasione, purtroppo, si è sentito qualche ululato razzista dagli spalti del Dall'Ara nei confronti del giovane attaccante di colore della Juventus. Alla seconda occasione la squadra di Allegri passa all'9' grazie ad un sinistro rasoterra dal limite di Bernardeschi, abilissimo ad approfittare di un clamoroso errore in coabitazione di Da Costa e Calabresi. Il Bologna prova a reagire con una iniziativa del neo acquisto Sansone e poi con Destro che non approfitta di una palla persa di De Sciglio. La Juve però quando attacca si rende sempre pericolosa sfiorando più volte il raddoppio con Emre Can, poi con Bonucci tre volte, ancora con Khedira e Kean. Poco dopo la mezzora Douglas Costa prova a fare il Ronaldo con una spettacolare rovesciata volante in area, ma invece della palla colpisce il volto di un coraggioso Helander. Solo poco prima del riposo si rivede il Bologna, con una conclusione di Dijks da due passi che termina a lato.

Nel secondo tempo il Bologna prova a ripartire con maggior aggressività, ma è sempre la Juve a controllare il gioco. Non solo, ma i bianconeri al primo affondo trovano anche il raddoppio con Kean abile a controllare una palla vagante in area e a battere Da Costa, su tiro di Douglas Costa. Di fatto la vittoria e la qualificazione sono in ghiaccio, così Allegri può iniziare a pensare già alla Supercoppa di mercoledì. Il tecnico bianconero concede minuti preziosi a Ronaldo, Dybala e Alex Sandro per riprendere confidenza con il campo in vista del Milan. Il Bologna prova ad onorare la sfida fino in fondo, Inzaghi manda in campo Donsah e Orsolini per avere maggior spinta offensiva ma senza riuscire a rendersi realmente pericolosa. La Juve passa senza forzare con l'ennesima dimostrazione di forza.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata