Conferme dalla Spagna: Ronaldo alla Juve per 100 milioni
Secondo Marca i bianconeri avrebbero raggiunto un accordo di massima per un contratto quadriennale da 30 milioni di euro a stagione fino al 2022

Forse resterà solo un sogno, ma a volte anche i sogni si avverano. "La Juve fa sul serio su Cristiano Ronaldo". Il titolo con cui Marca, quotidiano da sempre molto informato su quanto accade al Real Madrid, ha aperto l'edizione di questa mattina deve aver fatto saltare dalle sedie i tifosi bianconeri. Se nelle settimane scorse dell'interesse della Juve per CR7 si era parlato soprattutto in Italia, ora la conferma di una trattativa che avrebbe del clamoroso arriva direttamente dalla Spagna. Secondo Marca e AS, infatti, i 7 volte Campioni d'Italia di fila sono i favoriti per l'acquisto del fuoriclasse portoghese, che dopo la finale di Champions League a Kiev aveva praticamente detto addio al Real Madrid.

I bianconeri sarebbero in vantaggio su Paris Saint-Germain e Manchester Utd, gli altri due top club da tempo sulle tracce del cinque volte pallone d'oro, e avrebbero già raggiunto un accordo con Florentino Perez sulla base di 100 milioni di euro. Sarebbe il 'colpo della vita' per l'ad juventino Beppe Marotta, che solo qualche settimana fa aveva detto: "È una suggestione. Perché un conto è sognare e i tifosi hanno tutto il diritto di farlo, un conto è comprarlo. La realtà è che è impossibile chiudere per noi un'operazione del genere". Sempre stando a quanto scrive oggi Marca, la Juve avrebbe già sondato la disponibilità di Ronaldo e avrebbe raggiunto un accordo di massima per un contratto quadriennale da 30 milioni di euro a stagione fino al 2022, cinque in più della recente offerta di rinnovo del Real. A giocare a favore della Juventus ci sarebbe anche una scrittura privata fra il giocatore e Florentino Perez, nella quale il presidente del Real si impegna a non ostacolare la cessione se il giocatore lo chiede e se arriva un'offerta congrua, nonostante la clausola da 1 miliardo presente nel suo contratto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata