City travolge Chelsea 6-0, polemica sulla mancata stretta di mano tra Sarri e Guardiola. Il tecnico dei Blues: "Non l'ho visto"

L'ex allenatore del Napoli si difende: "Volevo solo andare negli spogliatoi, non c'è nulla da spiegare"

Lezione di calcio del Manchester City al Chelsea. I Citizens hanno travolto 6-0 i londinesi nella gara valida per la 27/a giornata di Premier League, affiancando così nuovamente il Liverpool in vetta alla classifica con 65 punti. La squadra di Guardiola ipoteca i tre punti in mezzora, dilagando nel primo tempo con la doppietta di Aguero e i sigilli di Sterling e Gundogan. Nella ripresa ancora Aguero, su rigore, e Sterling incrementano il bottino. Per i ragazzi di Sarri è il terzo ko nelle ultime cinque gare: i blues scivolano così al quinto posto, restando fermi a 50 punti, a meno uno dal Manchester United quarto.

Ed è polemica sulla mancata stretta di mano tra l'ex allenatore del Napoli e il tecnico spagnolo a fine match. Sarri, a fine match, si è subito difeso, dando la sua versione dei fatti: "Guardiola sul momento non l'ho visto, volevo solo rientrare negli spogliatoi. Prima di andar via come facciamo di solito vado a trovarlo e beviamo qualcosa insieme". "E' stata una cosa occasionale, non c'è niente da spiegare, in qual momento non l'ho visto intorno a me e sono uscito, ma vado sicuramente a trovarlo più tardi - ha aggiunto ai microfoni di Sky Sport - Siamo andati in difficoltà e abbiamo fatto una serie di errori contro gli avversari sbagliati. Loro giocano un calcio fantastico, ho visto una squadra straordinaria, noi dovevamo rimanere dentro al match con sofferenza, invece siamo andati in confusione totale e abbiamo concesso di tutto e di più".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata