Champions, le pagelle di Juve-Young Boys: Dybala trascinatore, conferma Bernardeschi

Appannato Madzukic, relax Szczesny

Le pagelle di Juventus-Young Boys 3-0, gara valida per la seconda giornata della fase a gironi di Champions League.

JUVENTUS

Szczesny 6 Serata di assoluto relax. Si sporca i guanti giusto per qualche uscita.

Barzagli 6 Si muove nella difesa a tre con il pilota automatico.

Bonucci 6.5 Dopo il gol che ha chiuso la partita contro il Napoli un'altra giocata decisiva. Suo il lancio dalle retrovie che Dybala converte in gol con una magia.

Benatia 6 Attento e concentrato.

Cuadrado 6.5 Per un'ora combina poco, si sveglia dopo l'assist del tris di Dybala.

Pjanic 6.5 Gioca con la tranquillità di un veterano. Ricama l'azione sia in fase di uscita dalla propria metà campo che nella tre quarti campo offensiva (dal 25' st Khedira 6 Mette nel motore minuti preziosi dopo l'infortunio).

Matuidi 6.5 Prezioso in fase di copertura, anche in una partita in cui la Juve rischia poco o nulla. Mette lo zampino sul secondo gol. E' sempre al posto giustonel momento giusto. (dal 1'st Emre Can 6 Entra a risultato ormai acquisito. Bada alla sostanza),
Alex Sandro 6 Volenteroso in fase di spinta, anche se a volte tende a strafare r pasticcia un po'.

Bernardeschi 6.5 Allegri gli trova un nuovo ruolo. Mezz'ala, esterno d'attacco e ora anche trequartista. Straripante in alcuni strappi palla al piede. Ha margini di crescita enormi, dà l'impressione di poter fare anche di più.

Mandzukic 6 Appannato senza il suo 'compare' Ronaldo. L'impegno non manca mai, ma appare un po' stanco e non a caso Allegri gli risparmia l'ultimo quarto d'ora. (dal 32' st Kean 6 Ha voglia di spaccare il mondo e si vede).

Dybala 8 Alla prima senza la stella di CR7 in campo, ruba la scena e ricorda a tutti perché indossi la numero 10 sulle spalle. Una magia al volo, un gol da opportunista d'area di rigore e uno facile facile a porta sguarnita per mettere in cassaforte il risultato. Una tripletta che rompe il digiuno anche in Europa dopo essersi sbloccato in campionato. Difficile a questo punto pensare che Allegri possa fare a meno di lui.

All. Allegri 7 La Juve va, mette in piedi la nona sinfonia tra campionato e coppa e convince anche senza il faro CR7. L'avversario sulla carta (e anche non) è il più abbordabile del girone, ma è da apprezzare l'atteggiamento dei bianconeri, che hanno subito aggredito la partita e imposto il loro gioco come deve fare una grande del calcio europeo.


YOUNG BOYS: Von Ballmoos 5; Schick 5.5, Camara 4.5, Von Bergen 5, Benito 5; Fassnacht 5 (25' st Assalè sv), Sow 5.5, Sanogo 5 (1' st Lauper), Bertone 5, Sulejmani 5.5 (25' st Ngamaleu sv); Hoarau 5.5.  All. Seoane 5.5.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata