Champions, Inter a Dortmund senza paura. Conte: "Non ci snatureremo"
Champions, Inter a Dortmund senza paura. Conte: "Non ci snatureremo"

I nerazzurri ritrovano Sensi per la sfida di con il Borussia. Il tecnico in conferenza stampa: "Giochiamocela"

Se non è un dentro o fuori, poco ci manca. Borussia Dortmund-Inter vale un bel pezzo di qualificazione agli ottavi di Champions League: entrambe le squadre sono appaiate con quattro punti, mentre il Barcellona a sette attende al Camp Nou lo Slavia Praga, in una sfida dal sapore di Davide contro Golia, e vola verso il primo posto nel girone F. Ecco perché la sfida del Signal Iduna Park diventa cruciale per il cammino di ambedue le squadre. Antonio Conte ci arriva con il vento in poppa (la Juve è lontana solo un punto) ma con l'infermeria piena, in particolare sugli esterni. Non sono partiti per la Germania infatti Asamoah e D'Ambrosio, così come Gagliardini, assenza dell'ultima ora. In compenso rientra Stefano Sensi, pedina fondamentale in questa prima fase di stagione. "E' un calciatore recuperato, è il terzo allenamento che ha fatto con noi, il primo lo aveva effettuato alla vigilia del match con il Bologna - ha svelato il tecnico dei nerazzurri in conferenza stampa - Faremo delle valutazioni insieme allo staff per capire come meglio utilizzare Stefano, se dall'inizio, per quanto, o durante la partita". Possibile una staffetta con Vecino in un reparto in cui Brozovic e Barella sono sicuri di un posto. Sugli esterni toccherà a Candreva e Biraghi. Oppure in alternativa Lazaro, reduce dall'incoraggiante prova di Bologna. Davanti toccherà a Lukaku e Lautaro provare a scardinare il muro giallonero.

Il precedente (1-0) di qualche settimana fa in casa sorride ad Handanovic e compagni, ma l'ex ct della nazionale si aspetta tutta un'altra partita in Germania. "Troveremo un ambiente caldo ed elettrico, per noi sarà importante giocare con personalità. Veniamo qui per giocarci la partita - ha assicurato - E' uno step importante di crescita per noi, incontreremo una squadra forte e collaudata, che fa la Champions da tanti anni. Dovremo fare grande attenzione. La prestazione di San Siro basterà? Penso dovremmo fare qualcosa in più". Nessun calcolo quindi, anche se un pareggio virtualmente potrebbe favorire proprio l'Inter in caso di arrivo in volata a pari punti. "Chi si aspetta una partita difensiva da parte nostra è su una strada sbagliata - ha promesso Conte - Non è quello che vogliamo proporre, non è quello per cui lavoriamo. Poi c'è la forza dell'avversario, noi dovremo essere bravi nei momenti di sofferenza, perché ci saranno, restando compatti e difendendo bene. Poi nella fase di possesso sappiamo cosa fare, come e quando farla. Non ci snatureremo. La nostra mentalità è quella di giocarci la partita in qualsiasi stadio in cui andiamo, sia in casa che fuori. Penso che le sei vittorie in trasferta lo testimonino". Espugnare anche il fortino dei gialloneri darebbe però un peso diverso al ruolino dell'Inter. E anche alla stagione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata