Champions, Allegri: "Grande rispetto per l'Ajax, dovremo essere delle iene"
Champions, Allegri: "Grande rispetto per l'Ajax, dovremo essere delle iene"

Si riparte dall'1-1 di Amsterdam, risultato che però il tecnico chiede di dimenticare: contro i ragazzi terribili di Erik Ten Hag sarà "una partita infinita"

Una Signora in versione iena. E' quella che vuole vedere Massimiliano Allegri nel secondo round contro l'Ajax, la gara che può regalare ai bianconeri l'accesso alle semifinali di Champions League. Si riparte dall'1-1 di Amsterdam, risultato che però il tecnico chiede di dimenticare: contro i ragazzi terribili di Erik Ten Hag sarà "una partita infinita". Nella presentazione della serata dell'Allianz Stadium, ancora una volta, si inserisce il bollettino medico: come prevedibile ancora out Chiellini, già assente all'andata, la novità dell'ultima ora è il forfait di Mario Mandzukic causa ginocchio. Un infortunio, quello del croato, che "non sconvolge nulla perché c'erano molte probabilità che rimanesse fuori", ha chiarito Allegri. "Ora devo solo decidere chi ci sarà al suo posto". Il tecnico non offre indicazioni per l'attacco: "Può giocare uno tra Kean e Dybala dal primo minuto o nessuno dei due". L'argentino parte in vantaggio rispetto al classe 2000. Altri nodi da sciogliere: "Se gioca uno tra Kean e Dybala, uno tra De Sciglio e Cancelo starà fuori. Se non gioca nessuno dei due, può darsi che giochino De Sciglio e Cancelo insieme. Fino a domattina non decido niente". Una maglia da titolare è già prenotata da Alex Sandro: "Spinazzola ah fatto un'ottima partita contro l'Atletico e il dispendio di energie fisiche e mentali ha avuto un rimbalzo così alto che l'ha scaricato. Ma anche Rugani dopo Amsterdam ha dovuto riposare. Bisogna abituarsi a giocare queste partite, ci vuole un percorso per arrivare a poterle giocare tutte". Al di là dei nomi dell'undici anti-Ajax, la certezza per Allegri è una: "In partite come questa i giocatori che vanno in campo devono essere delle iene".

A differenza del ritorno con l'Atletico, i bianconeri non sono costretti all'impresa. Ma "dobbiamo giocare con la stessa intensità, il risultato dell'andata non conta nulla. E' una gara secca", ha puntualizzato Allegri. "Dobbiamo avere grande rispetto dell'Ajax quando dovremo difendere, essere più lucidi e precisi nei passaggi e  nella costruzione del gioco. Cosa che ad Amsterdam abbiamo fatto meno bene. Se ci riusciremo, passeremo il turno, pur nella difficoltà" di una gara che l'allenatore presenta come "infinita. A prescindere da quello che sarà il risultato all'80', sarà sempre aperta. Loro giocheranno fino alla fine per vincere, così come noi. Ci sarà  bisogno di tutti, di chi va in campo, di chi resta in panchina, dei tifosi. E' una serata importante perché si può raggiungere un traguardo straordinario". Quanto all'atteggiamento da assumere, più che parlare di pazienza o aggressività, per l'allenatore servirà "capire i momenti della partita. L'Ajax, a Madrid, ha fatto meglio che nella partita in casa. Forse perché dovevano recuperare, erano più spensierati. Noi - ha aggiunto - dovremo essere bravi quando aggrediremo e nella fase difensiva. Ci sarà un colpo loro e un colpo  noi, anzi tre noi e uno loro". Servirà curare tutti gli aspetti, "fisico, atletico e soprattutto tecnico: in questo, ad Amsterdam potevamo fare meglio".

E ovviamente anche questa sera i riflettori saranno puntati sul re di Coppa Ronaldo, che ad Amsterdam rientrava dall'infortunio: "Sicuramente sta meglio. Cristiano ha una qualità straordinaria, in certi momenti della partita diventa un altro giocatore. Glielo si legge in faccia. Possibilità che possa essere capitano? Sarà Dybala se gioca, altrimenti Bonucci". Douglas Costa invece non sarà in campo dal primo minuto: "Dopo Amsterdam si è fermato per un problema al polpaccio e non è nelle migliori condizioni. Speriamo che nella rifinitura di domattina mi dia garanzie per averlo mezz'ora". Recuperato e pronto per una maglia da titolare Emre Can, che ha assicurato: "Sicuramente non giocheremo per lo 0-0, vogliamo vincere e non ci accontenteremo. E cercheremo sicuramente di segnare. Abbiamo grande rispetto per l'Ajax, faremo la nostra partita".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata