Caso trasferimento Neymar: chiesti per lui 2 anni di carcere
Nel mirino della procura le presunte irregolarità nel passaggio del giocatore dal Santos al Barcellona

Ancora guai per Neymar relativi al caso del suo trasferimento dal Santos al Barcellona. Il fondo Dis, all'epoca della vendita detentore del 40% del cartellino del brasiliano, ha chiesto all'Audiencia Nacional, la Corte Nazionale spagnola, cinque anni di carcere per il giocatore e i suoi genitori, otto per l'attuale presidente dei blaugrana Bartomeu e otto per l'ex patron Rosell. La Dis reclama, inoltre, un risarcimento tra i 159 e i 195 milioni di risarcimento danni causati dal trasferimento dell'attaccante. Il fondo accusa il club spagnolo di avergli saldato una percentuale di gran lunga inferiore rispetto a quella che gli spettava.

La Procura ha chiesto invece due anni di prigione e 10 milioni di euro di ammenda per Neymar e cinque anni per Rosell, due anni al padre del giocatore, uno alla madre nonché l'archiviazione per Bartomeu per mancanza di prove. Per il Barcellona la richiesta è di una multa di 8,4 milioni di euro, per il Santos di 7 milioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata