Calcio, compleanno in campo per Usain Bolt: "Voglio giocare da professionista"
Primo allenamento con i Central Coast Mariners per il campione di atletica leggera: "Il mio sogno: il Manchester United"

La leggenda dell'atletica Usain Bolt ha festeggiato il suo 32esimo compleanno effettuando la sua prima sessione di allenamento con i Central Coast Mariners, compagine australiana con cui spera di poter esordire da calciatore professionista.

Indossando guanti e pantaloni della tuta nonostante una mite giornata invernale, il campione giamaicano ha fatto leggeri esercizi di stretching, jogging e con la palla con il resto della squadra. Bolt ha mostrato un buon controllo di palla e buoni colpi di sinistro. "È come per l'atletica leggera, il primo giorno di allenamento è sempre il più difficile" ha detto Bolt dopo un sessione di 45 minuti alla quale hanno assistito circa 70 giornalisti. "Non mi sono fissato alcun obiettivo, farò solo il mio lavoro", ha detto ancora l'otto volte campione olimpico e detentore del record mondiale nei 100 e 200 metri. "Questa è la mia prima occasione per raggiungere un livello professionale, quindi non so cosa aspettarmi", ha detto ancora Bolt. "Sono qui per andare avanti, imparare e migliorare", ha concluso.

 

First team training and press conference with the @ccmariners #ccmfc #newlevels

Un post condiviso da Usain St.Leo Bolt (@usainbolt) in data:

L'allenatore della dei Mariners Mike Mulvey, che ha trovato Bolt un po' nervoso, ha detto: "È solo il suo primo giorno, è un atleta fantastico e siamo assolutamente entusiasti di averlo qui con noi". Per quanto riguarda la posizione in cui giocherà Bolt, il tecnico australiano non si è sbilanciato ma ha dichiarato: "È ok sulla fascia destra e da centravanti" e ha chiesto di essere trattato "come tutti gli altri giocatori". Bolt ha quindi ribadito che "uno dei miei più grandi sogni è giocare per il Manchester United. Potrebbe essere anche solo per una partita, sarebbe un sogno che diventa realtà perché sono un loro grande fan". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata